You are herecave

cave


Il Comune interverrà nel dissesto di via Delle Croci. Ritirata l’Ordinanza verso la Calcestruzzi spa

Uno studio dell’impresa evidenzia che non vi è relazione fra la cava ed il dissesto stradale.

Nel gennaio di quest’anno, il Comune aveva emesso un’Ordinanza sindacale verso la Calcestruzzi spa a cui imponeva la messa in sicurezza dell’area fra via Delle Croci ed il ciglio superiore della cava.

Cave, da polo turistico a 'pericolo per la stabilità del versante'

In poco più di un anno l'area delle cave richiede interventi urgenti per salvaguardare l'incolumità dei residenti.

E' passato poco più di un anno da quando il gruppo di maggioranza in Consiglio (Cittadini in Comune), rispondeva ai tanti dubbi e perplessità dei comitati e cittadini che si battono contro il nuovo Piano Attività Estrattive di Cà dei Boschi. In un commento apparso su facebook i CiC difendevano il Piano approvato in Consiglio (con i soli voti della maggioranza) ed esaltavano i lavori svolti sulla cave delle Fosse, auspicando di iniziare a sfruttarlo dal prossimo anno (2016). "Nella cava delle Fosse (poco sotto a quella in discussione e molto più ampia) sono terminati i lavori di riassetto ed è diventato un luogo molto bello con potenzialità turistiche notevoli, pista ciclabile, lago, parco e cascina dove è difficile scorgere il segno dei lavori svolti".

Qualcosa nella progettazione di questo polo turistico deve essere andato storto perchè la scorsa settimana il Comune pubblica un'Ordinanza con carattere di indifferibilità ed urgenza (allegata), che impone alla Calcestruzzi spa (una delle Ditte appaltatrici degli scavi), di eseguire entro 30 giorni gli interventi necessari per la messa in sicurezza della fascia dei terreni compresa fra la strada comunale via delle Croci ed i ciglio superiore del fronte di cava. Questo perchè si è creata una situazione di pericolo per l'incolumità dei residenti che transitano su tale tratto stradale e che tale situazione potrebbe nel tempo raggiungere il ciglio superiore del fronte di cava creando ulteriore pericolo per le maestranze di cava nonchè per la stabilità generale del fronte stesso e del versante.

Ordinanza per la messa in sicurezza dei terreni sopra via delle Croci. "Pericolo per l'incolumità dei residenti"

Entro trenta giorni la Calcestruzzi spa deve effettuare gli interventi necessari

Con l'Ordinanza n. 01/16 il Sindaco di Loiano ordina alla Calcestruzzi spa  di eseguire entro trenta giorni (decorrenza dal 14 gennaio 2016), gli interventi necessari per la messa in sicurezza della fascia di terreni compresa fra la strada comunale via delle Croci ed i ciglio superiore del fronte di cava. 

Si tratta di un'Ordinanza che presenta carattere di indeffiribilità ed urgenza per i lavori da eseguire nonostante nell'atto venga riportato che "...sul fronte cava, posto a valle della infrastruttura a circa 50 metri di distanza, effettivamente non si rinvengono segni di movimenti o di altre instabilizzazioni, ma che tuttavia non possono escludersi a priori un effetto indiretto dello scavo, come quello dovuto al detensionamento dei terreni...".

Si legge poi "considerato altresì che comunque si è creata una situazione di pericolo per l'incolumità dei residenti che transitano su tale tratto di stradale, che ha dato luogo a varie segnalazioni e proteste e che tale situazione potrebbe nel tempo raggiungere il ciglio superiore del fronte di cava creando ulteriore pericolo per le maestranze di cava nonchè per la stabilità generale del fronte stesso e del versante".

Legambiente: "sulle cave di Loiano positiva risposta del Presidente della Regione"

"Anomalia nella politica estrattiva delle cave-PIAE, sostenuta dall'Assessore del Comune"

COMUNICATO STAMPA

 

ANOMALIA NELLA POLITICA ESTRATTIVA DELLE CAVE - PIAE

Sostenuta dall’Assessore “alle Cave” del Comune di Loiano

 

POSITIVA RISPOSTA DEL PRESIDENTE BONACCINI alle 

NOSTRE opposizioni AMBIENTALI

 

Da oltre un anno il  Circolo LEGAMBIENTE SettaSamoggiaReno, in collaborazione con una rete di Comitati e Associazioni, ha posto l'attenzione sul progetto di ampliamento delle cave a Campuzzano e Cà dei Boschi nel Comune di Loiano.

 

L'ampliamento di una cava di ghiaia minaccia 9 ettari boschivi in una zona di particolare interesse paesaggistico e ambientale. Si tratta di un territorio fortemente instabile, già parzialmente coinvolto da una frana, nel quale verrebbero abbattuti circa 16.000 alberi.

Lo scorso dicembre, congiuntamente con le altre Associazioni, avevamo inviato una lettera all'attenzione del Presidente della Regione, Stefano Bonaccini, nella quale venivano espresse tutte le nostre preoccupazioni e le osservazioni a tutela dell'ambiente per le quali ci opponiamo al progetto. Non ultima, seppur non relativa a temi ambientali, quella che evidenzia come la cava sia di una ditta oggi in crisi e di possibile chiusura, ovvero Coop-Costruzioni.

Ubaldo Radicchi referente per il Circolo LEGAMBIENTE SettaSamoggiaReno, sottolinea, inoltre, che “alla base della nostra opposizione c'è anche l'assenza di qualsiasi processo partecipativo o di condivisione con la cittadinanza da parte dell'Amministrazione e dell’Assessore all’Ambiente, ma direi “delle Cave” di Loiano”.

E' di qualche giorno fa la risposta del Presidente regionale Bonaccini alla nostra lettera. Non ci rassicura leggere che - sono state rispettate tutte le valutazioni ambientali e che, quindi, la Regione approva il piano estrattivo – come riportato nella sua comunicazione, ma che la Regione valuterà ancora tutte le nostre argomentazioni contrarie e questo piano devastante interessato al territorio di Loiano.

Radicchi ricorda a Bonaccini e all'Assessore Rocca di Loiano che: “la prevista compensazione della trasformazione del bosco, con 9 ettari rimpiazzati a lotti, non garantisce la tenuta del delicato equilibrio dell'ecosistema locale”.

La maggioranza in Consiglio: "sulle cave è necessario attendere gli sviluppi della situazione".

Dopo il calo delle entrate ed il fallimento di Coop Costruzioni, il M5S chiede chiarimenti in Consiglio

Durante il Consiglio Comunale del 26 novembre, si è tornato a discutere della vicenda delle cave, anche a fronte di quanto sta emergendo in questi giorni.

Calano ancora gli introiti dalle cave: -15.000€ nel Bilancio 2015

Preoccupazione anche per il fallimento di una delle Aziende incaricate degli scavi

Le cave di Loiano a Cà dei Boschi rendono sempre meno. Negli anni gli introiti dalle attività estrattive hanno visto una costante diminuzione così come le opere compensative che nell’ultimo Piano non sono state nemmeno previste.

Nel Bilancio 2015 la voce attività estrattive prevedeva un introito di € 75.000 al lordo dei trasferimenti da riconoscere alla Regione e Città Metropolitana, al costo dei controlli (€ 28.000) e delle quote dei cavatori.

Durante la Commissione del 21 novembre, sono state però presentate le varie voci di assestamento al Bilancio dell’anno in corso  che nell’Area Territorio e Ambiente, vedono una minore entrata di € 15.000  dei proventi per attività estrattiva.

Domenica 11 ottobre passeggiata e rinfresco alle cave di Cà dei Boschi

Organizzata dai Comitati 'no-cave'. Partenza alle ore 9,30 da Scascoli

 

I Comitati che si battono contro il 'Piano Cave' voluto ed approvato dall'Amministrazione loianese e dall'Assessore all'Ambiente Alberto Rocca, hanno organizzato per domenica 11 ottobre una passeggiata per rendersi conto di persona degli scavi di Cà dei Boschi.

I prossimi appuntamenti dei Comitati "No-cave". Sabato alla Guarda e domenica in piazza

Continua la raccolta firme delle Associazioni e Comitati

Continuano gli incontri dei Comitati che si battono contro il Piano Cave voluto ed approvato dall'Amministrazione loianese.

I Comitati 'no-cave' incontrano i cittadini nelle frazioni. Giovedì 17 settembre a Quinzano

Domenica 11 ottobre 'passeggiata' a Cà dei Boschi ed all'area delle cave

Dopo la breve pausa estiva riprende l'attività dei Comitati che si battono contro il Piano cave, approvato nel dicembre scorso dal Comune di Loiano. Oltre ad i banchetti della domenica (13 e 27 settembre), prendono il via degli incontri di frazioni con il seguente programma:

Giovedì 17 settembre ore 20,30 presso il Centro Sociale Quinzano 2000 

Sabato 26 settembre alle ore 16,30 'Tè Multietnico' alla Guarda (ex bar)

Domenica 11 ottobre alla 'Festa dei Marroni di Scascoli', banchetto informativo. Alle ore 9,30 ritrovo nella piazzetta di Scascoli per una facile passeggiata alla zona delle cave.

Venerdì 23 ottobre alle ore 19,00 'Aperitivo al Telegrafo' a Sabbioni

Domenica 25 ottobre dalle ore 9,30 banchetto informativo a Livergnano

Durante questi incontri sarà possibile firmare per la petizione promossa dai Comitati.

Su 7Gold una trasmissione dedicata alle cave di Loiano

Ospiti i rappresentanti di Legambiente, Comitato 'no-cave' e l'Assessore della Città Metropolitana Lorenzo Minganti.

Puntata dedicata al tema delle cave di Loiano quella andata in onda oggi 17 luglio 2015 sul canale televisivo 7 Gold nella trasmissione 'Aria pulita'. Ospiti della trasmissione Ubaldo radicchi (Legambiente), Stefania Colombi (Comitato 'no-cave') e Lorenzo Minganti Assessore all'Ambiente della Città Metropolitana e Sindaco di Minerbio. Benchè invitato, assente   l'Assessore all'Ambiente di Loiano Alberto Rocca sembra per un fraintendimento sulla data del programma.

Il PD di Loiano organizza un incontro pubblico sulle cave. Giovedì 4 giugno in Sala del Consiglio.

Sarà presente anche l'Assessore all'Ambiente della Città Metropolitana

Il Partito Democratico di Loiano ha organizzato per giovedì 4 giugno (ore 21,00 in Sala del Consiglio),  un incontro con la cittadinanza per approfondire la vicenda legata al Piano Attività Estrattive (cave) approvato a dicembre 2014 dalla maggioranza loianese.

In un giorno raccolte 97 firme. Grande soddisfazione dei Comitati 'no-cave'

E' grande la soddisfazione dei Comitati e cittadini che chiedono all'Amministrazione di aprire un tavolo di confronto e discussione sul nuovo Piano Attività Estrattive (cave) approvato a dicembre.

I Comitati che si oppongono alle cave promuovono una raccolta firme

Petizione e firme certificate per chiedere l'apertura di un tavolo di confronto con il Comune

I Comitati ed Associazioni che si stanno opponendo al nuovo Piano cave del Comune, si sono organizzati in una raccolta firme ed una petizione con l'obiettivo di ottenere l'apertura di un tavolo di confronto e negoziazione con l'Amministrazione.

Quindi non una richiesta di annullamento tout court del progetto, ma la disponibilità dell'Amministrazione a parlare e discutere con i cittadini per trovare la soluzione migliore e condivisa.

Pubblicato il consuntivo 2014 delle entrate dalle attività estrattive (cave). € 3.774 al mese

La Delibera con i proventi dalle imprese

Con l'approvazione del nuovo Piano Attività Estrattive approvato a dicembre 2014, il comune ha pianificato quanto saranno le entrate previste ed inserite a Bilancio. Per il 2015 la previsione ammonta a 75.000 euro mentre con la Determina n. 121, il Comune fa sapere quanto sono state le entrate effettive dello scorso anno derivanti dalle cave.

Impegnati 28.000 euro all'anno per il controllo sulle attività estrattive. Se ne occuperà lo stesso Studio che ha elaborato il Piano Cave.

Per lo Studio Quintili, incaricato dal Comune, vige anche 'l'obbligo di riservatezza'

Sarà lo Studio Quintili & Associati a verificare la correttezza dell'attuazione del Piano Cave di Loiano elaborato dallo stesso Studio Quintili. Come si ricorderà il Piano è stato approvato a dicembre 2014  a larga  maggioranza (escluso il Movimento 5 Stelle che ha votato contro).

Sul Piano cave l'Amministrazione disponibile a valutare motivi validi per l'annullamento o la revisione della Delibera

Qualche punto di dialogo fra Associazioni ed Amministrazione loianese

Il giorno dopo l'incontro fra l'Amministrazione loianese ed i Comitati di cittadini, esce un comunicato che lascia intravedere qualche possibilità di dialogo fra le parti sulla questione del Piano Cave (PAE).

Il CAST invia le osservazioni in opposizione al Piano Attività Estrattive

Contro le cave già schierate Associazioni e Comitati di cittadini

Il CAST (Comitato Appennino Salute Territorio) invia al Comune di Loiano, Città Metropolitana e Regione Emilia Romagna le osservazioni in opposizione al Piano cave approvato a dicembre dall'amministrazione loianese.

Iniziativa del Comitato 'No cave-salviamo gli alberi di Cà dei Boschi' e Legambiente per pulire la Pineta

Due giornate di lavoro e di festa insieme ai volontari e cittadini. Merenda offerta dalla Pasticceria Nascetti e la Trattoria il Telegrafo

Nelle giornate di Sabato 21 e domenica 29 marzo dalle ore 9,00 si svolgerà una lodevole iniziativa in favore della Pineta fortemente danneggiata dopo la nevicata di febbraio.

Coop Costruzioni a rischio: addio a operai, terreni e cave. E' l'Azienda che si occuperà delle nuove cave di Loiano

Movimento 5 Stelle: quali affidabilità per le opere di ripristino che dovranno durare anni?

Come riportato nel Piano Cave loianese approvato lo scorso anno, è proprio la Coop Costruzioni l'azienda che si occuperà dei lavori delle nuove cave di Cà dei Boschi.

Sulle Piano Cave le osservazioni dell'Associazione Esposti Amianto e del Circolo Chico Mendez

L'impatto sanitario, ambientale, paesaggistico fra i punti che inducono a rigettare il Piano

"Per le motivazioni su esposte riteniamo che il progetto di realizzazione di cave a Ca’ dei Boschi e a Campuzzano debba essere rigettato in toto; occorre che tutto il piano provinciale venga ridefinito con i seguenti criteri"

Il 15% delle entrate dalle cave andranno alla Provincia ed il 5% alla Regione

Gli introiti dovranno comunque essere destinati ad opere di ripristino e ricerca

In questo periodo si è tornati a parlare di Attività estrattive (cave) sul nostro territorio dopo l'approvazione del PAE da parte del Comune.

Legambiente : "con Cà dei Boschi si è persa un'occasione per ripensare allo sfruttamento del suolo"

Sul Piano cave l'Associazione replica alle dichiarazioni dell'Assessore all'Ambiente
Su il Resto del Carlino di oggi è stato pubblicato un articolo inerente il Piano cave di Loiano, che ripercorre i punti toccati durante l'incontro del 21 gennaio. Al termine del pezzo viene riportata una dichiarazione dell'Assessore all'Ambiente Alberto Rocca dove ricorda che il piano era stato sottoscritto anche dalle associazioni ambientaliste. Di seguito la replica di Ubaldo Radicchi di Legambiente:

Grande partecipazione al primo incontro degli oppositori al Piano cave di Loiano

Legambiente, Cast, Comitati e tanti cittadini nell'incontro operativo che si è tenuto a Sabbioni

Circa cinquanta persone  si sono incontrate a Sabbioni per informarsi e capire cosa accadrà  dopo l'approvazione del PAE (Piano Attività Estrattive) che la maggioranza del Comune di Loiano ha deliberato lo scorso 18 dicembre. La serata era organizzata dal neo costituito Comitato "Salviamo il bosco - fermiamo le cave di Ca' dei Boschi"(rappresentato da Stefania Colombi), Legambiente (Claudio Corticelli ed Ubaldo Radicchi) ed il Cast (Cesare Albini) Ha partecipato  e supportato anche  l'Associazione "Salviamo il Paesaggio".

Le cave? meglio a Loiano

"Abbiamo approvato il nuovo Piano cave a Loiano per non  penalizzare i comuni di pianura"

(Alberto Rocca Assessore all'Ambiente Comune di Loiano)

I cittadini contrari alle nuove cave si incontrano a Sabbioni

Il 21 gennaio riunione operativa

Sul tema delle cave si è molto letto in questi giorni sui siti ed i giornali. Mercoledì 21 gennaio ci sarà invece il primo incontro deii cittadini che si sono coordinati per opporsi al Piano approvato in Consiglio comunale.

"Contrari allo sfruttamento del nostro territorio"

Tamara Imbaglione (Loiano nel Cuore) auspica si possa rivedere il Piano cave

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

 

Facendo riferimento alle dichiarazioni del sindaco di Loiano Patrizia Carpani, rilasciate su “Il Resto del Carlino” dello scorso 2 gennaio, si legge che la votazione dello scorso 18 dicembre sul piano di ampliamento dell’area estrattiva segue un “parere favorevole deliberato nel 2012 dalla passata amministrazione”.

C.A.S.T. : "stupore e preoccupazione per il Piano cave"

Il Presidente Cesare Albini: "rivedere il Piano ed aprire un tavolo di confronto con i cittadini, associazioni e forze politiche"

Riceviamo dal Comitato Appennino Salute Territorio e volentieri pubblichiamo

 

Gent. Sig.ra Sindaco del Comune di Loiano    S.P.M.

                                        p.c.                Assessore all’Ambiente

                                                                          

         Cave di Cà dei Boschi

          Gentile Sindaco,

         dalla sua costituzione il C.A.S.T. si adopera per la salvaguardia dell’ambiente e delle persone che vivono l’Appennino. In particolare siamo molto attenti alle dinamiche socio-ambientali che si verificano nella valle del Savena e in quella dell’Idice.

       

           Per tale ragione abbiamo appeso con stupore e preoccupazione il contenuto del nuovo Piano Attività Estrattive approvato dal Comune di Loiano attraverso la Delibera n. 95 del 18 dicembre 2014, trattandosi, di una decisione che riguarda una larga parte di territorio (22 ettari),  che verrà destinato all’estrazione di due milioni  di metri cubi di inerti,  con lavori che si prolungheranno per anni.  

"Caro speranzalbero, non far aprire nuove cave e non far tagliare il bosco". Inizia la campagna di informazione dei contrari al Piano approvato dal Comune

Gli oppositori del PAE (Piano Attività Estrattive) approvato giovedì 18 dicembre in Consiglio, iniziano la loro campagna di sensibilizzazione sfruttando proprio i mezzi messi a disposizione dall'Amministrazione.

Con una appello invitano tutti, in particolare i bambini, ad appendere all'albero del Comune (realizzato proprio con sfalci per evitare di tagliare un albero....), un appello per salvare il bosco ed il territorio dalle enormi cave che si apriranno.

A Cà dei Boschi verranno abbattuti 16.000 alberi. L'Amministrazione loianese approva il nuovo piano cave

questo albero è stato realizzato senza abbattere nessuna pianta vivente, ma riutilizzando falci e altro materiale che altrimenti sarebbe andato in discarica

(Cartello dell’Amministrazione loianese per l’albero in piazza del Comune)

 

 

- 2017 - Eventi, Feste e Sagre a Loiano
I Comitati 'no-cave' incontrano i cittadini nelle frazioni. Giovedì 17 settembre  a Quinzano
Dal 2 al 22 luglio Torneo di Calcio 5 Memorial "Ezio Pascutti"
Venerdì 17 febbraio a Loiano il 1° Concorso fotografico  "Scatta la foto al tuo micio" in occasione della Festa Nazionale del Gatto

Centro Raccolta Cosea

 

 

 

canile savena banner

 

 

 

 

 

Mappa Loiano