You are hereCalano ancora gli introiti dalle cave: -15.000€ nel Bilancio 2015

Calano ancora gli introiti dalle cave: -15.000€ nel Bilancio 2015


Preoccupazione anche per il fallimento di una delle Aziende incaricate degli scavi
Calano ancora gli introiti dalle cave: -15.000€ nel Bilancio 2015

Le cave di Loiano a Cà dei Boschi rendono sempre meno. Negli anni gli introiti dalle attività estrattive hanno visto una costante diminuzione così come le opere compensative che nell’ultimo Piano non sono state nemmeno previste.

Nel Bilancio 2015 la voce attività estrattive prevedeva un introito di € 75.000 al lordo dei trasferimenti da riconoscere alla Regione e Città Metropolitana, al costo dei controlli (€ 28.000) e delle quote dei cavatori.

Durante la Commissione del 21 novembre, sono state però presentate le varie voci di assestamento al Bilancio dell’anno in corso  che nell’Area Territorio e Ambiente, vedono una minore entrata di € 15.000  dei proventi per attività estrattiva.

A questo va aggiunta la preoccupazione riguardo al fallimento di una delle aziende incaricate degli scavi. Azienda che dovrebbe occuparsi anche dei relativi ripristini; ma in questo caso il condizionale è d’obbligo.

Nella foto l'area degli scavi previsti nel nuovo Piano Attività estrattive a Cà dei Boschi

 

novembre 2015

Pubblicato il : 
Lunedì, 23. novembre 2015 - 9:04
Vota l'articolo
Non so cosa serva ancora all'assessore Rocca e (che tanto si è prodigato per contrastare la raccolta firme del comitato contro le cave) per capire che l'operazione che sostiene è antieconomica e distruttiva per Loiano. Non crea posti di lavoro, non c'è un ritorno economico, rovina l'ambiente che è l'unico bene che non ci possono portare via e non c'è certezza dei ripristini visto che i fatti dimostrano , per ora, un parziale inadempimento da parte di alcuni cavatori. Dopo questa ultima conferma (riduzione delle entrate) vorrei che ci spiegasse quali sono le vere ragioni che lo spingono a sostenere la validità delle sue opinioni. Vorrei anche sapere se , in caso di fallimento od altre difficoltà della Coop Costruzioni, il Comune potrà incassare le fidejussioni o dovrà fare i ripristini e i previsti lavori di compensazione (Strada) a spese dei Loianesi
Copione già visto, poco prima dell’esaurimento della cava, la Coop fallisce. Ergo, l’unica è che il Comune si faccia anticipare, ora e subito, le spese del ripristino. Bella idea no? Vedrai che rinunciano subito. FraBol44

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Per verificare l'esattezza dell'indirizzo cliccando su 'salva' ti verrà spedita una email.

Clicca sul link che troverai nella tua casella mail per completare l'inserimento del commento!

Controlla sempre l'esattezza della tua email prima di salvare o riscrivila se ti segnala errore.

Grazie per la collaborazione.

 

 

Inviando questi dati tu accetti un controllo antispam da: Mollom privacy policy.