Giovedì, 23. May 2019 - 17:00

cave

I Comitati che si oppongono alle cave promuovono una raccolta firme

Petizione e firme certificate per chiedere l'apertura di un tavolo di confronto con il Comune

I Comitati ed Associazioni che si stanno opponendo al nuovo Piano cave del Comune, si sono organizzati in una raccolta firme ed una petizione con l'obiettivo di ottenere l'apertura di un tavolo di confronto e negoziazione con l'Amministrazione.

Quindi non una richiesta di annullamento tout court del progetto, ma la disponibilità dell'Amministrazione a parlare e discutere con i cittadini per trovare la soluzione migliore e condivisa.

Pubblicato il consuntivo 2014 delle entrate dalle attività estrattive (cave). € 3.774 al mese

La Delibera con i proventi dalle imprese

Con l'approvazione del nuovo Piano Attività Estrattive approvato a dicembre 2014, il comune ha pianificato quanto saranno le entrate previste ed inserite a Bilancio. Per il 2015 la previsione ammonta a 75.000 euro mentre con la Determina n. 121, il Comune fa sapere quanto sono state le entrate effettive dello scorso anno derivanti dalle cave.

Impegnati 28.000 euro all'anno per il controllo sulle attività estrattive. Se ne occuperà lo stesso Studio che ha elaborato il Piano Cave.

Per lo Studio Quintili, incaricato dal Comune, vige anche 'l'obbligo di riservatezza'

Sarà lo Studio Quintili & Associati a verificare la correttezza dell'attuazione del Piano Cave di Loiano elaborato dallo stesso Studio Quintili. Come si ricorderà il Piano è stato approvato a dicembre 2014  a larga  maggioranza (escluso il Movimento 5 Stelle che ha votato contro).

Sul Piano cave l'Amministrazione disponibile a valutare motivi validi per l'annullamento o la revisione della Delibera

Qualche punto di dialogo fra Associazioni ed Amministrazione loianese

Il giorno dopo l'incontro fra l'Amministrazione loianese ed i Comitati di cittadini, esce un comunicato che lascia intravedere qualche possibilità di dialogo fra le parti sulla questione del Piano Cave (PAE).  Infatti fino ad oggi la posizione di Sindaco ed Assesssore all'Ambiente è sempre stata ferma su un'impossibilità di ripensamento o di apertura ad un tavolo di trattative con chi si oppone a questo nuovo progetto.

Il CAST invia le osservazioni in opposizione al Piano Attività Estrattive

Contro le cave già schierate Associazioni e Comitati di cittadini

Il CAST (Comitato Appennino Salute Territorio) invia al Comune di Loiano, Città Metropolitana e Regione Emilia Romagna le osservazioni in opposizione al Piano cave approvato a dicembre dall'amministrazione loianese.

Taxonomy upgrade extras: 

Iniziativa del Comitato 'No cave-salviamo gli alberi di Cà dei Boschi' e Legambiente per pulire la Pineta

Due giornate di lavoro e di festa insieme ai volontari e cittadini. Merenda offerta dalla Pasticceria Nascetti e la Trattoria il Telegrafo

Nelle giornate di Sabato 21 e domenica 29 marzo dalle ore 9,00 si svolgerà una lodevole iniziativa in favore della Pineta fortemente danneggiata dopo la nevicata di febbraio.

Taxonomy upgrade extras: 

Coop Costruzioni a rischio: addio a operai, terreni e cave. E' l'Azienda che si occuperà delle nuove cave di Loiano

Movimento 5 Stelle: quali affidabilità per le opere di ripristino che dovranno durare anni?

Come riportato nel Piano Cave loianese approvato lo scorso anno, è proprio la Coop Costruzioni l'azienda che si occuperà dei lavori delle nuove cave di Cà dei Boschi. Oggi si apprende (ma la difficile situazione era nota già consultando il Bilancio 2013), che l'azienda varerà un piano di rilancio di 40 mln di euro che prevede l'esubero di 200 dipendenti, dismissioni di attività interne, disinvestimenti immobiliari ecc.

Taxonomy upgrade extras: 

Sulle Piano Cave le osservazioni dell'Associazione Esposti Amianto e del Circolo Chico Mendez

L'impatto sanitario, ambientale, paesaggistico fra i punti che inducono a rigettare il Piano

"Per le motivazioni su esposte riteniamo che il progetto di realizzazione di cave a Ca’ dei Boschi e a Campuzzano debba essere rigettato in toto; occorre che tutto il piano provinciale venga ridefinito con i seguenti criteri"

Pagine

Back to Top