Giovedì, 8. December 2022 - 10:18

Alberto Rocca (FdI), “senza Laboratorio Analisi non è più un Ospedale”

"Arrivano investimenti ma sparisce il laboratorio analisi e ricompare l’ OS.CO (Ospedale di Comunità)

Ospedale di Loiano
Arrivano circa 2.900.000 euro di investimenti, ma il laboratorio analisi intanto sparisce e ricompare l’Ospedale di Comunità (OSCO).
Legittimamente in molti  temiamo  che possano esserci altri tagli all’ospedale di Loiano, in quanto l’ASL ha deciso di eliminare il laboratorio analisi (senza il quale l’ospedale non si può chiamare Ospedale) sostituendolo con macchine P.O.C.T. senza tanti preavvisi. Quindi di fatto il laboratorio non ci sarà più, ma le analisi si faranno ugualmente (da parte di medici ed infermieri) con questi strumenti.
Mercoledì scorso ho partecipato all’incontro sulla Sanità in Appennino presso il Comune di Monterenzio. Alla mia domanda, rivolta al direttore generale dell’ASL, sulla affidabilità e sul tipo di analisi che queste macchinette fanno, la risposta è stata che sono affidabili al 100% e fanno le stesse analisi che il laboratorio faceva. Questo va approfondito.
Ci mettiamo anche la chiusura della casa di riposo Simiani, avvenuta in anticipo e che ha creato disagi sia ai familiari delle persone a carico, sia al personale occupato. Verranno tolti  dall’attuale ospedale 10 posti letto di cure intermedie (OSCO, ovvero seguiti da personale infermieristico) al posto dei quali è stato promesso di inserire un nuovo ambulatorio di chirurgia. Questi 10 posti letto verranno inseriti nella struttura ex casa di cura e ne saranno aggiunti altri 5. Con tutto questo mettiamo anche la buona notizia che arriveranno dal PNRR 2.900.000€ circa per l’ospedale di Loiano.
Ma qui sorgono delle domande:
1. Che uso verrà fatto del locale laboratorio?
2. I 10 posti letto tolti dall’ospedale immagino occupino più di un locale e quindi, oltre all’ambulatorio di chirurgia, cosa faranno dello spazio rimanente?
3. Considerato che in questo momento la sanità in generale è in chiara crisi di personale, medici, infermieri, ecc. chi ci metteranno nell’ampliamento di spazi, posti letto?
4. I 2.900.000 € che arriveranno spero che possano essere spesi per investimenti in personale, attrezzature e struttura. Ma tra le righe ho capito che serviranno per ristrutturare la ex casa di cura Simiani… se così fosse io la ritengo una follia, in una situazione in cui le esigenze mi sembrano tutt’altre.
Per tutte queste domande il Circolo Fratelli d’Italia di Loiano ha provveduto a fare richiesta in Regione del piano dettagliato degli investimenti,  dei documenti programmatici e dell’aggiornamento della situazione completa attuale di servizi, medici, prestazioni ecc. dell’ospedale di Loiano, per capire meglio cosa ci dobbiamo aspettare e di conseguenza come muoversi.
Per noi è chiaro che in questi presidi di montagna non si deve commettere l’errore di considerare unicamente i numeri statistici delle prestazioni per le riorganizzazioni, ma occorre tenere conto della specificità del territorio riconosciuto come “territorio particolarmente disagiato”.
Il Presidente del Circolo Fratelli d’Italia di Loiano
Alberto Rocca

‘Poche abitazioni’, respinte altre due richieste per il servizio neve su strade private

La Giunta respinge quelle per via delle Croci 16 e via Anconella 50-56. Accoglie le richieste per Via Ca’ di Stefano e via delle Piane 9-13

Con la Delibera n 149 (allegata), la Giunta ha approvato l’integrazione dei percorsi privati inserito nel servizio spazzamento neve per la stagione 2022-23.

Come riportato nell’ Atto, oltre il termine previsto per le richieste (30 settembre), sono pervenute le richieste per queste vie/civici:

Via Ca’ di Stefano
2. Via delle Croci 16
3. Via delle Piane 9-13,
4. Via Anconella 50-56

Mentre vengono accolte le richieste per  Via Ca’ di Stefano e via delle Piane 9-13, vengono respinte quelle per via delle Croci 16 e via Anconella 50-56. Nel primo caso perché “il servizio non rientra tra quelli individuati nel disciplinare approvato, trattandosi di accesso ad una sola abitazione”. Nel secondo caso “la richiesta non viene accolta, in quanto, il servizio non rientra tra quelli individuati nel disciplinare approvato, trattandosi principalmente di accesso a poche abitazioni private, e la larghezza e la conformazione della strada richiederebbero l’utilizzo di mezzi più piccoli rispetto quelli utilizzati per il servizio sulle strade comunali”.
Questa decisione della Giunta si somma alla Delibera n 132
approvata a novembre

Bilancio 2023, il sindaco preannuncia aumenti delle tariffe del 10%

Con un post su Facebook (!) il sindaco Morganti preannuncia aumenti di tariffe 'a causa dei forti aumenti legati ai costi energetici', che verranno votate in Consiglio Comunale:

“Nella seduta di venerdì 2 dicembre la Giunta ha approvato le tariffe e lo schema del Bilancio di Previsione 2023-2025 che dovrà passare ora alla discussione e votazione del Consiglio Comunale da tenersi entro questo mese.
Molte tariffe negli ultimi anni sono rimaste invariate, purtroppo, quest’anno a causa dei forti aumenti legati ai costi energetici, beni e servizi, alcune di queste subiranno un aumento del 10%.
Le tariffe aumentate riguardano: trasporto scolastico, sorveglianza pre-scolastica, servizi cimiteriali, utilizzo sale comunali, tariffe celebrazioni matrimoni e unioni civili ed alcuni diritti di segreteria dell’Ufficio Tecnico.
Le tariffe per le attività sportive rimangono invariate a parte l’utilizzo del campo da tennis che passa da € 10 a € 12 orarie. Rimangono invariate le tariffe della mensa scolastica, dell’asilo nido, sorveglianza post-scolastica e tutte le tariffe del sociale quali pasti anziani, assistenza domiciliare e trasporti sociali che rimangono gratuiti….”

Pagine

Back to Top