Lunedì, 23. May 2022 - 7:12

Pubblicate le Sentenze di I e II grado della causa di via Vaiarano

Il Comune è ricorso in Cassazione

“La condotta del Comune dopo essere venuto a conoscenza degli versamenti abusivi, fu inadeguata, intempestiva ed inefficace rispetto all’ acclarata situazione di perdurante pericolosità per l’ambiente e le persone”.

Questa è una parte delle motivazioni che hanno visto il Comune di Loiano condannato in Appello nella causa intentata dal sig Eolo De Maria per gli sversamenti di via Vaiarano a Barbarolo. In allegato riportiamo le due sentenze: quella di I grado (che il Comune ha vinto) e di Appello che ha perso per ‘omessa vigilanza’. L’Ente è ricorso in Cassazione

"Stiamo monitorando il dissesto di via Barbarolo ma per ora nessun intervento"

Il Sindaco in Consiglio Comunale

Fra i tanti dissesti stradali che affliggono il nostro territorio, quello di via Barbarolo all’angolo con via della Valle è probabilmente tra quelli che richiedono la massima attenzione. Nel tratto interessato passano infatti le condotte del gas ed inoltre una malaugurata chiusura di via Della Valle impedirebbe di fatto il transito ai residenti ed alle attività produttive dell’area.

Durante l’ultimo Consiglio Comunale il Consigliere di Minoranza Paolo Venturi ha chiesto informazioni rispetto a questo dissesto e se è previsto un intervento per ripristinare la situazione.

Ha risposto direttamente  il Sindaco il quale comunica “che al momento si sta monitorando la situazione per capire da cosa è causato questo movimento franoso, aggiunge che attualmente non è in programma nessun intervento di ripristino se non quello da parte di Hera che sta valutando di spostare le tubature coinvolte”.

Viene sottolineato che in questo momento è anche importante ed urgente capire quali sono le cause del movimento franoso (conseguenza di lavori di privati o della stessa Hera), e prospettare in vista dell’arrivo della cattiva stagione eventuali interventi di ripristino.

Campo di calcio, l’ Assessore Bartolomei: “a breve l’affidamento al Futa 65”

Apportate delle modifiche alla Convenzione del bando andato deserto nel 2018

Dovrebbe essere alle battute finali l’affidamento del campo di calcio di Loiano dopo un anno e mezzo dal Bando andato deserto (gennaio 2018). Se ne è parlato durante l’ultimo Consiglio Comunale  quando il Consigliere di Minoranza Zappaterra ha chiesto aggiornamenti in merito all’affidamento della struttura, anche in vista del ritiro a Loiano in agosto di diverse squadre.

Risponde l’Assessore Bartolomei comunicando che è stata fatta una proposta per l’affidamento diretto alla società Futa 65 la quale ha avanzato la richiesta di alcune modifiche non sostanziali rispetto al bando iniziale. Una di queste è la chiusura delle tribune tramite un cancello, così da impedirne l’accesso quando la struttura non è in uso. il cancello verrà posizionato a fine settembre-inizi ottobre. L’ Assessore ha comunque rassicurato  che non è ancora stato formalizzato l’affidamento ma dovrebbe concludersi a breve.

Che si sia sulla strada buona lo dimostra anche il fatto che non sono state interpellate altre squadre né è stata pubblicata una Manifestazione di interesse. Sembra quindi superato lo scoglio di poter apporre delle modifiche ad una Convenzione che è stata oggetto di Bando andato deserto e procedere ugualmente con un affidamento diretto (senza Bando o Manifestazione di interesse). La Convenzione avrà durata di un anno e poi si procederà con un nuovo Bando.

Debito fuori Bilancio, "la condotta del Comune è stata inadeguata, intempestiva ed inefficace"

Condannato per omessa vigilanza. In quegli anni l'attuale Sindaco era Assessore al Bilancio

Durante l’ultimo Consiglio Comunale, uno dei punti all’ordine del giorno era l’approvazione del Debito fuori Bilancio di 62.000 euro, scaturito dopo la sentenza della Corte d’Appello nella causa intentata dal sig De Maria nel 2005 contro il Comune di Loiano ed Edilpianoro.

Il Debito è stato approvato con i soli voti della Maggioranza e la netta opposizione della Minoranza che nella propria dichiarazione di voto (allegata), ha riportato alcuni passi della sentenza (che verrà resa pubblica nei prossimi giorni).

Per il Sindaco, il Comune è parte lesa in quanto ha agito secondo le proprie competenze ed il fatto che la Edilpianoro avesse già coperto totalmente il debito lo dimostra. Per Fabrizio Morganti la Cassazione (a cui il Comune si è appellata), confermerà questa posizione che era per altro già emersa nel primo grado di giudizio (che il Comune aveva vinto).

Di tutto altro avviso la Minoranza che riporta alcuni passi della sentenza laddove viene sottolineato che la condotta dell’Ente è stata inadeguata, intempestiva ed inefficace e che la condanna è motivata dalla sua omessa vigilanza. Nella dichiarazione si auspica anche verranno messe in campo le opportune azioni di rivalsa verso i responsabili tecnici e politici di quegli anni.

Come era già emerso in Commissione, la vicenda inizia nel 1998 e prosegue fino al 2005 con la causa intentata dal De Maria. In quegli anni Fabrizio Morganti era Consigliere di Maggioranza ed assessore al Bilancio in Amministrazioni del PD (Nascetti e Colazzo).

Oggetto: dichiarazione di voto “Riconoscimento debito fuori Bilancio ai sensi della sentenza della Corte d’Appello di Bologna n. 146/2018”

Il Debito fuori Bilancio che votiamo oggi e che graverà sulle spalle dei cittadini per oltre 60.000 euro, nasce alla fine degli anni ’90 a causa di una condotta inadeguata, intempestiva ed inefficace del Comune (cit. sentenza).

La prima denuncia del sig De Maria risale infatti al 1998 e nessuna delle Amministrazioni e tecnici di quegli anni hanno impedito l’azione legale che ha portato al risultato odierno.
Le responsabilità tecniche, amministrative e politiche di questa condotta sono facilmente ricostruibili ed auspichiamo che l’Ente si faccia presto promotore delle adeguate azioni di rivalsa.

Auspicando ovviamente che il terzo grado di giudizio ribalti questa sentenza, lasciamo alla Maggioranza la responsabilità di approvare questo Debito con cui non vogliamo avere nessun tipo di collegamento ed anzi, chiediamo di fare chiarezza sugli ambiti di responsabilità di chi ha gestito negli anni tutta la vicenda.

Danilo Zappaterra Capogruppo Loiano Impegno Comune

Moto sulla Futa, al 30 giugno effettuati 3 interventi ed elevate 20 sanzioni

Per la limitazione di velocità e rumorosità

Nel prossimo Consiglio Comunale verrà approvato anche l’aggiornamento del DUP (Documento Unico di Programmazione) già presentato in Commissione e che riporta gli obiettivi delle varie Aree amministrative del Comune. Fra gli obiettivi dell’Area 4 (Polizia Municipale), c’è anche quello della sicurezza stradale per la limitazione velocità e rumorosità dei motocicli in transito nel territorio comunale in particolare sulla SS 65 della Futa.

Il documento riporta che al 30 giugno 2019 sono stati effettuati 3 interventi con l’elevazione di n. 20 sanzioni. L’ufficio sta operando per affiancare al controllo delle pattuglie, scelte tecniche strutturali (box velox fissi).

Per il 30 luglio è previsto inoltre un incontro con il Dott Mauro Sorbi presidente dell’Osservatorio sulla Sicurezza Stradale Emilia Romagna. L’ incontro (che si terrà in Unione), vedrà la presenza dei Sindaci ed Assessori delegati

Si è conclusa la XXII Edizione della 'Festa d'la Batdura' di Loiano

Quattro giorni di musica, gastronomia, mercatini e tanto altro nel segno della tradizione contadina

Si è concluso con il Concertone live di Fede Poggipollini, Ivano Zanotti, Mirco Prati in Piazza e l’orchestra di Renzo Tomassoni la XXII edizione della Festa d’la Batdura di Loiano. Come da tradizione tanta musica (grazie anche alla inossidabile Fantomatik Orchestra), gastronomia, mercatini, antichi mestieri ed ovviamente la dimostrazione della battitura.

Quattro giorni di festa grazie ai tanti volontari, alla Pro Loco, all’Amministrazione Comunale, al Comitato Operatori Economici, agli agricoltori ed aiCarabinieri, Alla Croce Rossa Italiana ed alla Protezione Civile Comunale per l’indispensabile lavoro di questi giorni . Appuntamento al prossimo anno! Tutte le foto QUI

Pagine

Back to Top