You are hereAppalto per il servizio di sgombero neve: venerdì l'apertura delle buste

Appalto per il servizio di sgombero neve: venerdì l'apertura delle buste


Appalto per il servizio di sgombero neve: venerdì l'apertura delle buste

Dovrebbero essere una quindicina le aziende in gara per l'appalto triennale (novembre  2014 - aprile 2017) , per lo spazzamento della neve lungo le strade comunali. Il Bando  prevede l'affidamento di otto percorsi del valore presunto di € 5.400,00 cadauno (€ 16.200,00 nel triennio), per un valore complessivo dell'appalto di € 129.600,00. Il Bando per il servizio di spargimento del sale verrà invece pubblicato  fra una ventina  di giorni.

 

I criteri di aggiudicazione prevedono un unico incanto con il criterio dell'offerta più vantaggiosa (da 5 ad 1 punto in base ai ribassi proposti), in base alle caratteristiche del mezzo (potenza in cv del mezzo), sulla base dei requisiti del mezzo riferito a quanto riportato sul libretto di circolazione, aver svolto servizi analoghi nelle ultime stagioni invernali (dal 2009 al 2014),  eccetera.

Apertura delle buste venerdì 10 ottobre 2014 alle ore 9,30 presso la sede sociale di Ge.S.Co in via Roma 55 a Loiano

ottobre 2014

Pubblicato il : 
Vota l'articolo
come al solito cercano di coinvolgere sempre gli stessi CON CLAUSOLE E REQUISITI CHE SOLO NEL NS COMUNE SONO VALIDI MA.........
A parer mio è un'ottima idea fare in modo che il servizio neve venga affidato a persone che già lo hanno fatto e ancora meglio se conoscono il territorio. Gli improvvisati o io "pianuresi" li abbiamo visti all'opera con l'erba l'anno scorso. In alcuni casi il massimo ribasso non è la soluzione migliore per avere un buon servizio, inoltre se affidi per tre anni "la neve" ad un incapace crei un disagio terribile e non so nemmeno se sarebbe facile recedere dal contratto.Detto questo, si confida nel buon senso delle parti per avere la miglior combinazione costi-servizi. Teniamo presente anche che c'è la necessità di sostenere l'economia locale e che i soldi pagati ad aziende del territorio hanno buona probabilità di creare indotto sul territorio stesso.
sicuramente quello che hai detto e' giusto ma tuttidovrebbero avere l'opportunita' di partecipare cosa che questa volta non e' possibile con le clausole che hanno messo , come mai nel vecchio appalto non c'erano ???????? chissa' il perche'.................
Non conosco il testo dell'appalto precedente e nemmeno di questo, quello che condivido è il principio di favorire le aziende locali dove ciò sia legalmente possibile. Temo che la legge che permette a tutti di partecipare a tutto non abbia mai portato risultati ottimali e penso all'appalto della Scuola Media ad esempio. E' vero che la legge dice che tutti devono poter partecipare ma per fortuna da la possibilità agli appaltatori di porre condizioni che impediscono la calata degli Unni cioè di aziende che si buttano sugli appalti pubblici e poi lavorano male , hanno collaboratori in nero , non rispettano le normative nemmeno le più elementari ecc.. ecc.. Ricordo quando passarono con lo scavo per le fibre ottiche. Operai in nero ammassati in capannoni su reti senza materassi, un panino a mezzogiorno 10/12 ore di lavoro con qualsiasi clima, mezzi fuori regola , senza fanali o furgoni per il trasporto usati per trasportare i lavoratori, buche mal chiuse che hanno causato anche un incidente di un motociclista morto a causa dell'avvallamento lasciato nell'asfalto e altro. meglio le clausole!!
Condivido quanto detto da Bovaz e mi rattristo dei soliti commenti negativi nascosti dall'anonimato. Buona giornata Giulio Masiello

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Per verificare l'esattezza dell'indirizzo cliccando su 'salva' ti verrà spedita una email.

Clicca sul link che troverai nella tua casella mail per completare l'inserimento del commento!

Controlla sempre l'esattezza della tua email prima di salvare o riscrivila se ti segnala errore.

Grazie per la collaborazione.

 

 

Inviando questi dati tu accetti un controllo antispam da: Mollom privacy policy.