You are hereSi allarga il fronte dei no all'allargamento a sei dell'Unione dei Comuni

Si allarga il fronte dei no all'allargamento a sei dell'Unione dei Comuni


Si allarga il fronte dei no all'allargamento a sei dell'Unione dei Comuni

Aumenta il fronte dei no all'allargamento a sei dell'Unione dei Comuni, per includere anche San Lazzaro ed Ozzano. Oltre a Loiano (unico che fin dall'inizio si è opposto non approvando lo statuto), anche movimenti e forze politiche di San Lazzaro si oppongono a quello che a tutti gli effetti appare come un'imposizione regionale (foto). Le motivazioni del 'no' sono quelle che fanno riferimento ad una totale mancanza di conto economico che dimostri (numeri alla mano), che questo allargamento porterà effettivamente benefici senza aggravio economico. Nessuno (e tantomeno il PD grande sponsor di questa legge regionale), ha infatti mai dimostrato che tutto questo porterà benefici a parità (o miglioramento dei servizi).

Come avvenuto durante l'ultimo Consiglio di Loiano, chi si oppone viene tacciato come di 'chi non accetta il cambiamento' ed è accusato di miopia politica non capendo che gli scenari futuri  obbligheranno i Comuni ad aggregare i servizi.

aprile 2014

Pubblicato il : 
Il tuo voto è stato: Nessuna Totale classifica: 5 (1 vote)
Se volevo vivere in un grande comune andavo a milano o roma o a new york che è persino uno stato. Questa roba è una truffa per il cittadino che vedrà solo allontanarsi i servizi con la scusa della spesa pubblica. Qualcuno mi spiega perché dovremmo accettare una simile proposta? Parto prevenuto, ma accetto chiarimenti e suggerimenti. Grazie

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.