You are hereLa qualità dell'acqua a Loiano

La qualità dell'acqua a Loiano


 

La qualità dell’acqua a Loiano

 

(fonte : Hera. Dati Medi Carta dei Servizi anno 2008 I semestre Bologna)

 

 

Ammonio 0,03 mg/l

Ammonio:deriva principalmente delle deiezioni umane o animali dove è contenuto assieme all'urea risultante dal metabolismo delle proteine. La sua presenza nelle acque, specialmente in quelle sotterranee, è dovuta in alcuni casi a cause geologiche quali ad esempio la degradazione di materiale in via di fossilizzazione (resti di piante, giacimenti di torba, ecc.). Si esprime in mg/l. Nella normativa vigente (D.lgs.n.31/2001) è previsto un valore massimo di 0,50 mg/l

Sodio e Cloruro 31 mg/l

 

Sodio e cloruro : le sostanze che si trovano disciolte nell'acqua sono sali che provengono dal naturale processo di dissoluzione dei minerali costituenti le rocce ed i suoli attraversati dall'acqua di origine piovana. Quest'acqua è povera di sostanze disciolte ma possiede un'azione "aggressiva" a causa dell'anidride carbonica raccolta dall'aria.
Sodio e cloruro possono provenire da rocce contenenti cloruro di sodio (sale da cucina). Si esprimono entrambi in mg/l. Nella normativa vigente (D.lgs.n.31/2001) sono previsti valori massimi rispettivamente di 200 mg/l  per il sodio e di 250 mg/l per i cloruri

 

Concentrazione ioni idrogeno 7,5 (pH)

Concentrazione ioni idrogeno:misura l’acidità dell’acqua. Un’acqua neutra ha pH 7, un’acqua basica (alcalina) ha pH  maggiore di 7, un’acqua acidula ha pH  minore di 7. Valori acidi di pH possono essere dovuti ad anidride carbonica libera presente nell’acqua, mentre valori alcalini alla presenza di bicarbonati. Nella normativa vigente (D.lgs.n.31/2001) sono previsti valori  compresi tra 6,5 e 9,5 unità di pH.

 

Durezza 24°F

 

Durezza: esprime il contenuto di calcio e magnesio (metalli alcalino terrosi) presente nell’acqua. In relazione al pH e all'alcalinità un'acqua molto dura può provocare incrostazioni nelle tubazioni, in particolare negli impianti di riscaldamento, e richiede nel lavaggio della biancheria un consumo maggiore di detersivi, mentre un'acqua dolce al contrario potrebbe essere corrosiva per le tubazioni metalliche. Dal punto di vista della durezza distinguiamo:
DUREZZA TEMPORANEA: esprime il contenuto dei metalli alcalino terrosi sotto forma di bicarbonati. E' detta temporanea in quanto, con l'ebollizione, i bicarbonati possono essere separati dall'acqua precipitando sotto forma di carbonati.
DUREZZA PERMANENTE: è quella che rimane dopo l'ebollizione .
DUREZZA TOTALE: è la somma della permanente e della temporanea.
Si esprime preferibilmente  in °F (gradi francesi).1 °F equivale a 10 mg/l di CaCO3 (carbonato di calcio) e a 0,56°D (gradi tedeschi) Nella normativa vigente (D.lgs.n.31/2001) è previsto un valore consigliato tra i 15 e i 50 °F.

 

Fluoruri < 0,10 mg/l

 

Fluoruri: la loro origine è solitamente naturale (rocce vulcaniche). A basse concentrazioni hanno effetti di protezione dalla carie dentale mentre a concentrazioni elevate, nel lungo termine, possono causare effetti sfavorevoli su denti e ossa. Si esprime in mg/l. Nella normativa vigente (D.lgs.n.31/2001) è previsto un valore massimo di 1,50 mg/l.

Nitriti < 0,02 / nitrati 4 mg/l

 

Nitriti/nitrati:possono essere prodotti in natura da processi ossidativi dello ione ammonio oppure da fenomeni conseguenti all'impiego dei fertilizzanti azotati in agricoltura. Lo ione nitrato può essere presente come componente di sali molto solubili impiegati come fertilizzanti, pertanto può passare velocemente nelle acque sotterranee per dilavamento del suolo agricolo. Si esprimono entrambi in mg/l.
Nella normativa vigente (D.lgs.n.31/2001) sono previsti valori massimi rispettivamente di 0,50 mg/l per i nitriti e di 50 mg/l per i nitrati.

Residuo secco 368 mg/l

 

Residuo Secco: rappresenta l’insieme delle sostanze di natura organica e inorganica (Sali) disciolte ottenute facendo evaporare l’acqua a 180°C e si esprime in mg/l.
Nella normativa vigente (D.lgs.n.31/2001) non è previsto un valore limite, ma solo un valore massimo consigliato di 1500 mg/l.

Sodio e Cloruro 19 mg/l

 

Sodio e Cloruro: Le sostanze che si trovano disciolte nell'acqua sono sali che provengono dal naturale processo di dissoluzione dei minerali costituenti le rocce ed i suoli attraversati dall'acqua di origine piovana. Quest'acqua è povera di sostanze disciolte ma possiede un'azione "aggressiva" a causa dell'anidride carbonica raccolta dall'aria.
Sodio e cloruro possono provenire da rocce contenenti cloruro di sodio (sale da cucina). Si esprimono entrambi in mg/l. Nella normativa vigente (D.lgs.n.31/2001) sono previsti valori massimi rispettivamente di 200 mg/l  per il sodio e di 250 mg/l per i cloruri.Condividi

pan>

Condividi

Pubblicato il : 
Vota l'articolo

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Per verificare l'esattezza dell'indirizzo cliccando su 'salva' ti verrà spedita una email.

Clicca sul link che troverai nella tua casella mail per completare l'inserimento del commento!

Controlla sempre l'esattezza della tua email prima di salvare o riscrivila se ti segnala errore.

Grazie per la collaborazione.

 

 

Inviando questi dati tu accetti un controllo antispam da: Mollom privacy policy.

- 2017 - Eventi, Feste e Sagre a Loiano
Da Martedì 26 settembre 'Ginnastica a Loiano', presso la Sala Primavera
I Comitati 'no-cave' incontrano i cittadini nelle frazioni. Giovedì 17 settembre  a Quinzano
Da sabato 9 dicembre passeggiate itineranti sulla via dei Presepi
Open Day all’ IPAA ’Luigi Noè’ di Loiano
Crea il tuo Presepe e partecipa a "La via dei Presepi"

Centro Raccolta Cosea

 

 

 

canile savena banner

 

 

 

Mappa Loiano