Mercoledì, 21. February 2024 - 22:45

Story

'Smart Meter', Mariella Spada: "auspicabile una seria riflessione sui nuovi contatori a radiofrequenza"

Riceviamo e pubblichiamo

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

SMART METER (nuovi contatori a radiofrequenza)

Un po’ preoccupata per la mia patologia EHS (Elettroipersensibilità ai campi magnetici), nutro alcuni dubbi sull’istallazione dei nuovi contatori, che per me sarebbero dannosi. Così sottopongo anche a voi la lettura di queste poche righe ma abbastanza chiare, tratte da una raccolta di documenti e link “Danni da Tecnologia Wireless”, curata dalla dott.ssa F. Del Giudice, alla pag. 41.

https://www.elettrosensibili.it/wp-content/uploads/2018/05/DANNI-DA-TECNOLOGIA-WIRELESS-apr18.pdf

“… Lo “smart meter” (contatore intelligente) è un dispositivo a radiofrequenza che funziona solo in modalità wireless (senza fili). Lo smart meter emette di continuo RF (24 ore su 24, 365 giorni l‟anno). Gli smart meter, uno per ogni abitazione, dialogano tra di loro e con una centralina di quartiere in un sistema di “reti mesh” i cui segnali rimbalzano come palline di ping pong da uno smart meter all‟altro prima di raggiungere la centralina finale. Così l‟esposizione alle RF è enormemente ampliata (da 100 a 500 volte) dai contatori dei vicini. Il 90% delle informazioni trasmesse dallo smart meter non riguarda i consumi delle utenze ma è legato al continuo “rimbalzo” di dati che crea campi elettromagnetici di bassa intensità pericolosi per la salute, soprattutto se, come in questo caso, l‟esposizione è cronica.”

“… David Carpenter direttore dell‟Istituto di Medicina Preventiva dell‟Università di New York (Albany) insieme ad altri 53 medici e ricercatori di tutto il mondo, ha firmato nel 2012 un documento chiarificatore sui gravi danni alla salute legati all‟esposizione agli smart meter. Tra questi, cinque ricercatori italiani: Settimio Grimaldi, direttore dell‟Istituto d Tossicologia Traslazionale CNR di Roma, Fiorenzo Marinelli, ricercatore Istituto di Genetica Molecolare CNR di Bologna, Livio Giuliani, già capo unità Radiazioni e Ultrasuoni CNR Roma, Fiorella Belpoggi, direttrice Area Ricerca Centro Studi sul Cancro “Cesare Maltoni”, Istituto Ramazzini di Bologna e Morando Soffritti, Presidente onorario Istituto Ramazzini di Bologna. Il gruppo di studiosi ha smentito le affermazioni rassicuranti sugli smart meter…”

Sarebbe auspicabile una riflessione seria e una conseguente azione, per la nostra salute!

Grazie

Mariella Spada

data pubblicazione: 
Lunedì, 5. August 2019 - 5:54

Aggiungi un commento

Back to Top