Sabato, 6. June 2020 - 12:17

Story

"Solidarietà alimentare", a Loiano € 22.786,12 per i cittadini più bisognosi

Da suddividere per l'acquisto di buoni alimentari e generi di prima necessità.

Sul sito della Città Metropolitana QUI sono stati elencati i Comuni con la distribuzione delle risorse come da Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n 658. In pratica sono i fondi previsti per l'acquisto di buoni alimentari e generi di prima necessità.

Le risorse sono state ripartite fra i Comuni seguendo i criteri concordati con l'Anci: l'80% in proporzione alla popolazione residente e  il 20% in base alla distanza fra il valore del reddito pro capite di ciascun comune e il valore medio nazionale, ponderata per la rispettiva popolazione.

Sarà compito dei Servizi sociali di ogni Comune individuare i beneficiari e i criteri di ripartizione tra i nuclei più esposti agli effetti economici derivanti dall'emergenza Covid-19 e tra i cittadini che versano nel maggior stato di bisogno. Obiettivo soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali, dando priorità a chi non ha altro sostegno pubblico.

I Comuni possono anche aprire dei conti correnti per donazioni da destinare alle misure urgenti di solidarietà alimentare.

A Loiano vengono assegnati € 22.786,12

A Monghidoro € 19.605,18

A Pianoro € 93.349,94

A Ozzano € 73.251,71

A Monterenzio € 32.662,94

In allegato la tabella completa

data pubblicazione: 
Lunedì, 30. March 2020 - 7:33

Commenti

Sarà interessante capire come utilizzeranno i soldi dando la priorità a chi non ha sostegni economici pubblici....

Giusto un loianese poteva avere di questi problemi. Mettiti l’anima in pace e prega Dio di non averne bisogno.

Scusi sig. Bolognesi, lei ne scrive tante!
Ho letto il testo dell'ordinanza 658 del ministero e ho espresso un mio dubbio in quanto non penso sia facile stabilire dei criteri per dare la precedenza a chi non percepisce aiuti pubblici proprio perché in questo momento sono in sofferenza le famiglie con lavoratori autonomi, in cassa integrazione, quelli a cui non sono stati rinnovati contratti, ecc.... Che fin'ora non hanno mai chiesto nessun contributo pubblico .... Per cui cosa trova di male in quello che ho scritto?

Benissimo, allora le consiglio, come qualsiasi persona che ritiene di appartenere a una determinata tipologia, di fare una cosa molto semplice: con le proprie gambe di recarsi presso gli uffici dei Servizi sociali del Comune di residenza per avere informazioni su quali procedure burocratiche ottemperare. Scriverlo con “vis polemica” su di un social non serve a nulla. Questo vale anche per l’altro furbetto, che poi siete la stessa persona. A proposito come sono definiti quelli che gettano il sasso e nascondono la mano?

Certo sig. Bolognesi se avrò i requisiti stabiliti dall'assistente sociale e dal Comune mi recherò....forse lei sa già quali sono i requisiti per accedere se mi risponde così? Diversamente non esco di casa per fare un giro che al momento non è indispensabile....

Sig. Bolognesi, non capisco a chi si riferisce per "altro furbetto". Se si riferisce al sottoscritto è fuori strada con tutto, se non fosse così le chiedo scusa per aver capito male.

Il problema è che chi già percepisce dal comune o altri enti dei soldi ok ma ci sono dei nuovi soggetti che magari non percepiscono ancora nulla e ne hanno bisogno. Credo che debbano informarsi bene se no andranno a chi ha già.

Credo di aver letto che chi gia è destinatario di una qualsiasi forma di aiuto dalla Pubblica Amministrazione sia da mettere in coda a chi ha difficoltà dovute alla circostanza ma non ha mai percepito nessun aiuto. La fonte più affidabile a cui chiedere è però sicuramente il comune, a cui si può telefonare o mandare una mail.

mia moglie è ferma momentaneamente per il lavoro , non percepisce la paga , se ci fosse la possibilità di un aiuto , grazie

Aggiungi un commento

Back to Top