Lunedì, 16. December 2019 - 3:41

Story

Giovedì 31 ottobre dalle ore 16,00, “Halloween a Loiano”

In Piazza dall'Olio. Truccabimbi

Giovedì 31 ottobre dalle ore 16,00 in Piazza dall’Olio “Halloween a Loiano”; insieme ai piccoli mostri per fare dolcetto o scherzetto a tutti i negozianti.

Truccabimbi per mascherarsi meglio. Iniziativa del Comitato Operatori Economici, ASCOM e Comune di Loiano

data pubblicazione: 
Mercoledì, 23. October 2019 - 5:44

Commenti

Colpisce che in un cima di generale ostilità per tutto ciò che è straniero, estraneo alle nostre tradizioni e alla nostra identità culturale, scuole, amministrazioni e famiglie dedichino tanto spazio ad una festa di dubbio gusto, che non ha nulla a che fare con la nostra storia e e la nostra visione del mondo. E' solo un segno della miseria culturale dei nostri tempi. Siamo pronti a scagliarci contro lo straniero, che molto spesso possiede, a differenza di noi, una rappresentazione del mondo solida e coerente e di valori di riferimento, ma quando ci troviamo di fronte a mode ed usanze americane di cui non riusciamo neppure a cogliere il senso, ammesso che ce l'abbiano, ci pieghiamo e ci adeguiamo con entusiasmo, guidati solo da un'inspiegabile senso di inferiorità e da un desiderio fantozziano di supiniità. Dove sono i difensori delle nostre intoccabili tradizioni e delle comuni radici cristiane? Dove sono i sanfedisti tuonanti ed i paladini del nostro comune sentire e dei valori della nostra civiltà? E quale spazio e considerazione hanno i dialetti, le feste locali, i balli tradizionali, i racconti e le favole popolari? Tutto questo patrimonio prezioso si sta perdendo con la colpevole incuria delle istituzioni che dovrebbero invece valorizzarlo e custodirlo gelosamente, soprattutto con l'azione in campo educativo.

Non capisco il motivo del perché ci si ostini a festeggiare Halloween, una festa non nostra, non parte della ns/ tradizione, eppoi si coinvolgono i bambini, l'anello debole, è assurdo, per me una pagliacciata senza senso, allora perché non festeggiare pure la fine del Ramadam o la festa di San Nicolau il 6 dicembre..........visto che si vuole imporre feste non nostre!!!

Vote up!
43

Nessuno impone nulla, se non vuoi festeggiare te ne stai a casa, semplice! Chi impone restrizione siete tu e quelli che commentano assieme a te! Luca

Vote down!
-28

Piacerebbe sapere se questo signore tanto liberale commenterebbe allo stesso modo "Nessuno impone nulla, se non vuoi festeggiare te ne stai a casa, semplice!" se Comune e commercianti organizzassero in piazza a Loiano una festa di Ramadan o il Pakistan Day (23 di marzo, per la cronaca).

Ho avuto una giornata pesante, ma dopo questo commento penoso posso andare a letto ridendo :D Luca

Vote down!
-28

come al solito è una questione politica. da un lato gli u.s.a. usano la loro potenza e capacità distruttiva e dall’altro la loro capacità persuasiva (film, tradizioni varie ecc. ma perché lo fanno? Facciamo finta che, attualmente, gli usa rappresentino il più grave pericolo per la sopravvivenza del pianeta. Facciamo finta che, attualmente gli usa siano responsabili delle più gravi crisi umanitarie in essere, che siano responsabili, e parlo dalla fine della guerra, di tali e tanti crimini con decine di milioni di morti, tali per cui i crimini nazisti (shoah compresa) paiono roba da “virginali educande”. Non è una cosa che possa passare sotto silenzio, visto che è sotto gli occhi di tutti, ma che molti fingono di non vedere, per cui avranno bisogno di mostrare il loro aspetto accattivante. Quale migliore risultato si può ottenere se non coinvolgere l’alieno in riti, usi che, in qualche modo, fingano di accorciare le distanze: siamo tutti uguali, quindi complici (cultura forte soffoca cultura debole). Nessuno si lamenta dell’enorme valanga di film che si riversano sui nostri schermi, ognuno dei quali portatore di un ben determinato aspetto ideologico: cultura forte made in usa. Come possiamo chiamarlo? una volta si diceva: ”Sezione stampa e propaganda” in cui è coinvolto ogni aspetto culturale Film, usi, costumi e anche tradizioni.

Aggiungi un commento

Back to Top