You are hereLa stazione astronomica di Loiano

La stazione astronomica di Loiano


 di Fabrizio Bònoli

dal sito "1936-2006: 70 anni allo specchio"

Correva l'anno 1936...

… in Europa il Fronte Popolare vinceva le elezioni francesi ed esplodeva la sanguinosa guerra civile spagnola; in Italia si proclamava la conquista dell'effimero impero d'Etiopia, precedute dalle "inique sanzioni" e la FIAT iniziava la produzione della Topolino.

Tra queste imprese che, nel male e nel bene, lasciarono un segno nella storia, l'astronomia bolognese ricorda quell'anno per un avvenimento importante: il 15 novembre veniva inaugurato il telescopio riflettore Zeiss, con uno specchio da 60 cm di diametro, nella nuova Stazione Astronomica di Loiano della Regia Università di Bologna.

A conclusione di una lunga vicenda, iniziata sin dal 1906 - esattamente 100 anni or sono - dall'allora direttore dell'Osservatorio Astronomico Universitario, Michele Rajna, l'astronomia bolognese ritornava a nascere dopo quasi un secolo di decadenza, ottenendo un sito per le osservazioni, lontano dalla gloriosa Specola settecentesca e soprattutto dall'inquinamento luminoso e atmosferico che già allora iniziava a gravare sulla città.

La realizzazione di quello che fu, per qualche tempo, il secondo telescopio d'Italia (il primo era il riflettore da 1 m dell'Osservatorio Astronomico di Milano, ma posto a Merate, in un sito meno adatto alle osservazioni) avvenne grazie all'impegno del direttore dell'epoca, Guido Horn d'Arturo, e soprattutto grazie a uno dei pochi esempi nazionali di mecenatismo scientifico.
 

Già nel 1915, infatti, il cav. dott. Adolfo Merlani - assistente alla cattedra di Analisi matematica, Assistente Onorario alle Cattedre di Astronomia e Calcolo infinitesimale, membro della Commissione per la Storia dell'Università di Bologna e già assessore per l'Istruzione Pubblica al Comune di Bologna - aveva donato all'Università un terreno posto a Monte Donato, nell'immediata periferia cittadina, affinché vi venisse eretta una stazione astronomica. Dieci anni più tardi, la vedova di Merlani, Bianca Montanari, lasciò all'Università, alla sua morte, una donazione di 300.000 Lire (circa 200-250 mila Euro di oggi), 50.000 delle quali destinate all'Istituto matematico per l'istituzione di una borsa di studio intitolata al marito e le rimanenti 250.000 Lire all'Osservatorio Astronomico per l'erezione di una stazione osservativa sulle colline di Bologna.
 

Poteva, così, avere inizio la costruzione dello strumento e degli edifici atti ad ospitarlo.
Dopo l'esclusione di varie possibilità - dalla prestigiosa Villa Aldini, a Monte Donato, a Monte Stanco - il sito prescelto fu quello del Monte Orzale, presso il paese di Loiano, a 40 km da Bologna e a 800 m s.l.m., sicuramente per l'epoca uno dei migliori nel vicino Appennino e il più elevato tra tutti gli altri Osservatori nazionali.
Interamente realizzato - sia le ottiche che la meccanica - nelle prestigiose officine ZEISS di Jena, il telescopio giunse a Bologna nel luglio 1933, racchiuso in nove casse del peso complessivo di 60 quintali; il 30 giugno di due anni più tardi si poneva la prima pietra dell'edificio progettato dall'ing. Gustavo Rizzoli.

Racchiusa in una teca di piombo assieme ad alcune monete divisionali in corso e firmata dal cardinale Giovanni Battista Nasalli-Rocca, dal rettore Alessandro Ghigi e dalle altre autorità, veniva murata nelle fondamenta una pergamena recante un'epigrafe dettata da Goffredo Coppola, ordinario di Letteratura e lingua greca: Pridie kalendas Julias / Anno Domini MCMXXXV / Primo saxum quadratum jacitur / Sideralis speculae Universitatis bononiensis / Quae Adolphi Merlani liberalitate / Eiusque viduae Blancae acerrimo telescopio dotata / Munificentia lictorii regiminis / Anno vertente tertio decimo / A Fascibus receptis construetur.
 

I lavori venivano terminati in un solo anno … altri tempi! Il 15 novembre del 1936, infatti, dopo aver scoperto, nella mattinata, un busto dedicato a Nicolò Copernico (ancora visibile nel corridoio della sede centrale dell'Università), nel pomeriggio, alla presenza delle maggiori autorità civili e religiose e di numerosi astronomi italiani, il rettore Ghigi inaugurava la "Nuova Stazione Astronomica Appenninica sul Monte Orzale di Loiano".
 

Nella notte tra il 21 e il 22 dicembre venne impressionata la prima lastra fotografica, come di consuetudine una "lastra di prova" per eseguire la messa a fuoco del telescopio, subito seguita dalla foto della prima stella: l'alfa della costellazione della Balena. Lo strumento, con una distanza focale di 2,10 m e un rapporto d'apertura 1/3,5 e montato equatorialmente in una cupola da 7 m di diametro realizzata dalla Ditta Bombelli di Milano, era indicato per osservazioni fotografiche al fuoco diretto, presentando una scala di 98"/mm e un campo corretto per coma completamente sino a 5' e parzialmente sino a 24'. Sin dall'inizio si iniziarono ricerche nel campo delle stelle variabili (scoprendone alcune decine), delle nebulose e degli ammassi globulari. Programmi nei quali si impegnarono, nel tempo tra gli altri, Luigi Jacchia, sino a quando emigrò per le leggi razziali ad Harvard, Leonida Rosino, poi Direttore dell'Osservatorio di Padova, Paolo Maffei e Piero Tempesti.
 

Durante la guerra, la Stazione di Loiano subì ingenti danni. Vennero trafugati non solo tutti gli strumenti accessori, compresi i motori del telescopio, ma anche l'officina meccanica e il mobilio. Lo specchio era stato messo in salvo a Bologna e così, passato il fronte si poterono riprendere le osservazioni pur se in condizioni di estremo disagio. Negli anni Sessanta, la tecnica fotografica venne sostituita con quella di fotometria fotoelettrica, più adatta allo studio di stelle variabili e infine, negli anni Ottanta, il glorioso specchio ZEISS è stato sostituito con uno specchio forato, per consentire l'utilizzo del fuoco Cassegrain al quale montare fotometri adatti anche alla rilevazione di controparti ottiche di sorgenti gamma.

 

Condividi

Pubblicato il : 
Vota l'articolo

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

- 2018 - Eventi, Feste e Sagre a Loiano
Da Martedì 26 settembre 'Ginnastica a Loiano', presso la Sala Primavera
I Comitati 'no-cave' incontrano i cittadini nelle frazioni. Giovedì 17 settembre  a Quinzano
Domenica 29 luglio  una grande festa “per un Ospedale con la O maiuscola!”
Da lunedì 2 luglio "Vino, spizzichi e...bocconi" in Piazza Dall'Olio a Loiano
Dal 1 al 22 luglio il  “1° Torneo di Calcio 5 Città di Loiano”
Domenica 22 luglio "La Corsa più pazza del Mondo" in via Roma a Loiano
Da giovedì 19 luglio “Schermo in Piazza”, per rivivere momenti di Loiano negli anni ’80
Il programma della rassegna "Favolando per le Valli" 2018
“Svuota la cantina”, a Loiano ogni ultimo sabato del mese, da maggio ad ottobre

Centro Raccolta Cosea

 

 

 

canile savena banner

 

 

 

Mappa Loiano