Mercoledì, 21. August 2019 - 3:30

Story

L’Assessore: “cittadini, datevi da fare attivamente per un paese più bello!”

"Per render il paese più decoroso"

Nella settimana della manifestazione ‘Viva il Verde’ l’Assessore all’Ambiente Ladinetti ha lanciato un invito alla cittadinanza dalla pagina Facebook dl Comune. Nell’ appello, il Ladinetti  si rivolge a tutti i cittadini, associazioni, comitati, operatori economici e ai proprietari di immobili (in particolare le aree adiacenti agli edifici privati, i cantieri in corso o abbandonati, i vuoti urbani, le recinzioni, le siepi), a darsi da fare attivamente per rendere il nostro paese più bello.

Viene anche sottolineato "che come amministrazione comunale abbiamo pianificato interventi per rendere il paese il più decoroso e accogliente possibile..."

In chiusura concede che la cura del paese e dei suoi spazi pubblici (strade piazze, aiuole, edifici pubblici ecc.) è certamente un compito degli amministratori comunali ma per essere davvero accogliente Loiano ha bisogno anche della partecipazione attiva dei suoi abitanti.

data pubblicazione: 
Lunedì, 12. August 2019 - 6:16

Commenti

voglio farla breve: atteggiamento pedagogico che presuppone di essere al di sopra dei cittadini...
Siamo intervenuti decine di volte sulla bonifica dell'amianto della ex-piscina;
datevi da fare chi?
Datevi da fare voi e, se riuscite, cercate di tacere (se potete) fino a quando non avrete comunicato la data inizio lavori di bonifica.
E' ben ovvio che tutti abbiano sempre diritto di parola ma, come si dice, le chiacchiere stanno a zero...
per fare un solo esempio; poi ne faremo altri;
fare podismo è salutare ma è meglio in un ambiente sano.

Vito Totire, AEA-circolo "Chico" Mendes

Stupefacente,abbiamo un nuovo genio. Ma che bello. Io che pensavo di essere costretto a vivere in un paese che altro non che una fogna infernale. Ma accidenti, perché non averci pensato prima, è così semplice, un vasetto di fiori qui uno striscione colorato la,(ma quello dei manifesti nei negozi vuoti non era già una vecchia idea?). Già che se uno ha la sventura di venire a Loiano la prima cosa che pensa è: “Accidenti qui la guerra ha colpito di brutto” infatti di gran moda è il tour “Le rovine di Loiano”. Di grande moda è anche, ma solo per persone raffinate, l’attraversamento del centro, detto anche “Salva la vita se ci riesci”che offre, a chi sopravvive, una spettacolare dimostrazione della stupidità umana. Propongo una distribuzione di fiori a tutte le auto che transitano, da inserire sotto il tergicristalli. E’ stupefacente,se non ci fosse bisognerebbe inventarselo. Ma da dove salta fuori ma più che altro dove vive?

Dopo questi commenti, propongo la patente a punti per internet. Luca

E chi stabilisce i criteri, la “Comunità loianese”.

Due considerazioni:
Sig. Totire, ma Lei che parla tanto di bonifica della vecchia piscina a carico della Comunità, il buon samaritano lo faccia con i suoi soldi o con quelli del proprietario e non con i ns.
Sig. Bolognesi, quando prova a fare della satira ( e non ė la prima volta) ė simpatico come una spinta per le scale, come se io le dicessi "attraversi la strada più velocemente, se non vuole essere investito"

Trovo interessante il suo intervento, anzi mi chiedevo se il senso di quanto lei affermato, corrisponda a quello ufficiale dell’Amministrazione. Lo dico perché, e senz’altro mi sbaglio, il tono mi sembra leggermente da intimidazione mafiosa. Poi va anche bene, basta saperlo. Per il resto può stare tranquillo, sono anni che batto su questo punto e sono un po’ stanco e pensavo proprio di darci un taglio, sono anni che insisto e non ho ottenuto nulla. Poi diciamolo, ma che me frega dei disagi a cui sono sottoposti i cittadini, tanto io ormai non sono neanche più in grado di muovermi. Ancora meno mi interessa della ex piscina e degli eventuali decessi dovuti alle polveri di amianto, in fin dei conti sono problemi vostri.
PS non si dice “satira” bensì “ironia” o tutt’al più “sarcasmo”.

Certo che a vedere la quantità di like a un commento del genere fa davvero tristezza. Ma lei davvero non si rende conto delle parole che le escono dalla bocca, ironizzare sulla vecchiaia delle persone e fregarsene di 2000 metri quadri di amianto dando ironicamente del buon samaritano a chi cerca di farlo bonificare è proprio un commento da persona immatura e con qualche problema di egoismo. Non so dove abita lei ma sapendo che nel paese di Loiano è pieno di costruzioni con amianto che andrebbero bonificare spero per lei che non abiti anche lei di fianco a qualche tettoia in amianto. Se lei non sa gli effetti dell'amianto sul corpo le consiglio di andare a documentarsi e di controllare bene che nelle vicinanze di casa sua o dove lavora non ci sia amianto in giro. Comunque caro cittadino tanto ironico deve sapere che il sindaco e quindi il comune nella nostra legislazione è il responsabile sanitario della salute dei suoi cittadini, che essi siano bambini, adulti o gli anziani che lei tanto disprezza. Nel caso di questo capannone il proprietario è insolvente e non può fisicamente far fronte alla spesa, giuridicamente parlando è quindi lente pubblico che deve farsi carico di tale spesa, non possono i privati mettersi in mezzo e bonificare una struttura in stato di abbandono per insolvenza del proprietario. Inoltre spero per lei che quando sarà anziano non si troverà in difficoltà deambulatoria cotretto ad aver paura di muoversi per il suo paese perche non vi é nessuna pianificazione urbana per aiutare i cittadini piu deboli e gli automobilisti hanno l'empatia pari a quella di un bidone del rusco, piu o meno come quella che lei ha dimostrato in questo suo commento, occhio perche il karma torna indietro.
Detto questo caro ironico cittadino, si studi un pochino il significato di satira prima di usare la parola provando a fare l'intelligentone simpaticone, e dire che dopo vent'anni di berlusconi pensavo ingenuamente che tutti avessero capito il significato di satira, evidentemente mi sbagliavo. Buona giornata

Lei invece studi un pochino la differenza tra Ente e lente

E’ tipico delle persone ignobili rimarcare le debolezze e i lapsus degli altri. Questa è una vecchia tecnica usata per sminuire il senso generale di tutto il discorso. Che dimostra, invece, la propria miserabile pochezza di argomentazioni.

Ma tu sei lo stesso Franco che due commenti sopra ha scritto che "non si dice satira bensì ironia o tutt’al più sarcasmo " ed ora fa la morale per la stessa cosa?? Ribadisco che serve una patente per internet.

Aver definito “Satira” un qualcosa che di fatto non lo è, non può essere definito come un errore di scrittura o un lapsus, ma corrispondente, in pieno, al pensiero dello scrivente, se le parole hanno un senso. Proprio a quel concetto intendeva riferirsi, senza ombra di dubbio, quindi la mia critica è pienamente legittima.

Oh, lei si che è una persona forbita, mi scuso immensamente per il mio errore, sa com'è, purtroppo la fretta non aiuta avendo una figlia piccola che richiede molta attenzione e scrivendo da cellulare (il correttore automatico poi in alcuni casi rende tutto più difficile) faccio spesso sgrammaticature di questo tipo. Quale abbaglio, che inesattezza, che imprecisione, le chiedo umilmente di provare a mettere in moto le sue capacità deduttive per comprendere e scusare il mio grossolano errore di scrittura.
È molto interessante però notare che di tutto il mio commento lei si soffermi su un errore di scrittura, tentando di sorvolare sul suo comportamento da persona astiosa e vagamente incivile sottolineando invece un strafalcione di cui si capisce, credo abbastanza bene, che so benissimo la differenza fra ente e lente.. di tutto ciò su cui poteva argomentare, facendomi magari ricredere sull'idea che mi sono fatta di lei leggendo il suo così sprezzante e aggiungerei, spavaldo coi deboli, commento qui su questo blog/sito, lei si aggrappa alla triste sottolineatura di una svista pensando, forse di ergersi a maestro di scrittura, a grammarnazi mal riuscito.
Beh che dire, pensi a ciò che le ho scritto in precedenza, si faccia un esamino di coscienza sul suo egoismo e lei invece davvero studi i doveri di un ente pubblico come un comune nei confronti della salute dei cittadini e la loro incolumita sulle strade del paese, e già che c'è si faccia uno studio sulla differenza fra satira ironia e sfotto. Su internet si trova un bellissimo video di Dario Fò dove spiega bene la cosa se ha piacere di documentarsi :)

Il signor Alix da un grande contributo alla discussione; infatti che ci siano persone con le idee così confuse è meglio saperlo in modo da capire meglio le difficoltà che abbiamo nell'affrontare i problemi;
il signor Alix fa molto errori:
1) mi consiglia di comportarmi da samaritano ; su questo non commento poiché mi convince il criterio "Non sappia la destra quello che fa la sinistra";
2) ora: fare catechismo non è obbligatorio per nessuno e sapere cosa si dice quando si parla di "buon samaritano" è facile anche se si è atei; sta di fatto che il buon samaritano è stato scomodato a sproposito; cioè non c'entra niente;
4) io parlo tanto della ex-piscina; è vero; ma in un paese che funziona (non è i caso nè di Loiano nè della regione E-R, nè dell'Italia) l'amianto della ex-piscina sarebbe stato bonificato da un pezzo il che mi avrebbe consentito di parlare di meno della ex-piscina e di dedicarmi ad altro...che ce n'è !
5) se Alix non sa niente del buon samaritano ancora meno sa del "problema amianto" ; se il proprietario dell'area non è nelle condizioni materiali di bonificare cosa si fa ?
6)Alix teme che si bonifichi con i "suoi" soldi ? quando il comune avrà finalmente bonificato (sempre molto tardi) contesti la decisione e si presenti lui come candidato sindaco e nella prossima evenienza si assuma la responsabilità di non attuare la bonifica.
La libertà di parola sacra ma prima di parlare occorrerebbe studiare.
Grazie comunque perché la ignoranza occulta è più pericolosa della ignoranza manifesta.

Vito Totire-Aea-associazione esposti amianto e rischi per la salute

Aggiungi un commento

Back to Top