Venerdì, 23. February 2024 - 17:00

Story

Approvato un atto d'indirizzo per la riorganizzazione dell'Ospedale di Loiano

Un documento che servirà ad aprire un tavolo di confronto con l'Azienda USL

Durante il Consiglio Comunale del 30 giugno l'Assessore alla Sanità, Alberto Rocca, ha presentato un atto di indirizzo volto ad aprire un tavolo di confronto con l'Azienda USL di Bologna sulla riorganizzazione del nostro Ospedale. Il documento ne ripercorre la storia dalla sua costruzione fino ai giorni nostri con la realizzazione della Casa della Salute ed elencando infine una serie di richieste volte al suo potenziamento.

Oltre che all'AUSL, l'atto è stato inoltrato all'Assessorato alla Sanità della Regione, al Direttore del Distretto socio-sanitario di San Lazzaro ed al presidente della Conferenza Territoriale Socio Sanitaria. Lo spunto nasce ovviamente dalla decisione di tagliare i dieci posti letto nella nostra struttura, ma lo  si lega anche a delle richieste di potenziamento scaturite da un  sondaggio effettuato tra la popolazione di Loiano e Monghidoro.

Nella Delibera votata e passata a piena maggioranza, si dà atto della necessità di rinnovare la richiesta di attenzione da parte dell'ASL nei confronti dell'Ospedale anche attraverso un confronto politico specifico. Rispondendo alle domande delle opposizioni, l'Assessore ha sottolineato che il documento è stato redatto a più mani: lo stesso Assessore ed il Sindaco di Loiano, il Sindaco di Monghidoro Alessandro Ferretti e l'Assessore Morena Baldini, l'avvocato Alberto Breschi, Marco Vigna Dirigente 118 in Regione, il Dott. Giovanni Canè ed altri medici che hanno preferato mantenere l'anonimato.

Scritto a più mani ma senza la condivisione con le altre forze politiche (a cui è stato inviato 'per conoscenza') e senza il coinvolgimeno dei Comitati ed Associazioni poichè non esistendo come due anni fa il pericolo di chiusura ed essendo un documento di indirizzo, non era necessario in questa fase coinvolgerle. Condivisione che è stata garantita in caso dell'apertura del tavolo di confronto.

Ritornando al documento approvato, al termine della relazione si chiede un piano chiaro e dettagliato che rispetti le esigenze del territorio e della struttura facendo riferimento ad un sondaggio effettuato tra la popolazione da cui sono emerse diverse necessità (segue l'elenco delle richieste). L'Assessore non ha chiarito nè  le modalità con cui è stato realizzato questo sondaggio nè se per le richieste  siano state realizzate delle proiezioni costi/benefici ed essere così pronti a rispondere alle inevitabili obiezioni che verteranno sulla  mancanza di risorse. Ciononostante, il Sindaco ha evidenziato che  il documento ha già ricevuto il plauso del Direttore Generale dell'AUSL Chiara Gibertoni e che trattandosi di un atto di indirizzo, in questa fase non vi è necessità di un approfondimento analitico .

 

all.to : relazione 

 

luglio 2015 

AllegatoDimensione
PDF icon relaz osped.pdf2.18 MB
data pubblicazione: 
Giovedì, 2. July 2015 - 6:55

Commenti

cose turche! confrontate il documento con quello del comune di praia a mare, che allego. non aggiungo altro per non infierire

purtroppo nei commenti non si riesce a inserire un allegato né una "striscia".
Per verificare la presa in giro del testo copiato guardateVi la delibera di giunta del comune di praia a mare del 26 gennaio 2015 "adesione alla libera associazione tra i comuni italiani denominati "associazione dei comuni dimenticati".
E' di intuitiva evidenza che i sindaci hanno firmato ciò che è stato loro sottoposto, non possono certo verificare le fonti dei documenti fatti dai loro collaboratori, è impossibile; il minimum di onestà intellettuale consiglia ed anzi suggerisce di indicare la fonte dei dati usati. Di chi ci possiamo fidare dunque?

Aggiungi un commento

Back to Top