Lunedì, 23. May 2022 - 7:23

Story

Vaccini: "alla Farmacia Guariento un meraviglioso servizio per la comunità”

Riceviamo e pubblichiamo

Buon giorno vorrei ringraziare pubblicamente tutto lo staff della Farmacia Guariento per il meraviglioso servizio riguardo alla vaccinazione contro il Covid che stanno portando avanti in maniera esemplare.

I ragazzi si sono occupati di anticiparmi la vaccinazione, disdicendo la mia prenotazione presso l'Ausl che mi era stata data nell'anno nuovo, risparmiandomi un viaggio a Bologna e la fila presso l'hub vaccinale.

Il tutto è avvenuto con la massima cordialità, professionalità e simpatia, mi hanno accolto, vaccinata e coccolata, un servizio che ho gradito particolarmente e che ritengo essenziale per  il nostro paese. Purtroppo l’impagabile servizio che rende questa farmacia alla comunità è troppo spesso dimenticato dalle varie istituzioni. Un grazie dal più profondo del cuore…continuate così.

lettera firmata

data pubblicazione: 
Martedì, 14. December 2021 - 22:24

Commenti

Beh, loro sono veramente carini ed accoglienti, ti fanno sentire più tranquilli e meno soli in una situazione in cui di solito tutti ti terrorizzano. Grazie davvero per la cortesia e l'umanità!
A me però sinceramente sta sorgendo qualche dubbio e non so se farò la terza dose. Ho visto che tanta gente vaccinata si ammala di Covid e che tanti giovani hanno avuto del malori gravi dopo il vaccino oppure sono morti. Un mio vicino di 32 anni ha avuto una pericardite grave ed è stato in terapia intensiva. Forse sono solo dei dubbi eccessivi, ma mi sono stupito perché di queste cose la televisione non parla e non capisco il perché.

Sig. Salvo, non dica così o sarà presto annoverato tra le liste dei "pericolosi no vax" nonostante il vaccino....

Il servizio che offre la farmacia è sempre stato di ottima qualità, dai consigli sui migliori farmaci per i vari disturbi alla cortesia, disponibiltà e simpatia di chi ci lavora con impegno e professionalità. Personalmente continuo a nutrire dubbi sulla vaccinazione da parte di operatori non strettamente sanitari, ma apprezzo l'impegno e la voglia di mettersi al servizio del prossimo con cui i farmacisti hanno risposto alla richiesta di aiuto, seppur non nei loro compiti

Io ci vorrei dire a quel signore li che se lui non lo avrebbe capito qui siamo in guerra e bisogna obbedire e non discutere, mi piacerebbe anche a me non vaccinarmi con la scusa che dopo ti venghi uno scarabaccino, è una guerra e si muore, basta, se ai nostri genitori ci dicevano se vuoi andare in guerra non ci andava nissuni, si capisce. Ma c`a’ ragione la signora che certe cose non va bene dirle, altrimenti il morale viene giù fino alle scale di cantina e i vaccini rimangono li che vanno adamale con tutti i soldi che abbiamo speso ad averli con le tasse che noi esercenti ci spennano dalla testa ai piedi. Ame mi piace il colonello Figliolo, con quel portamento, con lui non si scappa mica, vi vengo a prendere casa per casa, ma io se è per me io sarei anche piú duro, chi non si vaccina la pena capitale, al muro. Vuoi morire? Ti ammazziamo noi, cosí la smetti di andare in giro ad infettare. E quelli che sono dei disfattisti e che si anno dei dubbi, la stessa fine tutti, perché si guasta piú con le parole che i fatti.

Caro Loianese Doc,

mi dispiace se si è arrabbiato per quello che ho scritto, non era mia intenzione fare arrabbiare nessuno.
Sono d'accordo con molte cose che scrive, ma non su tutto. Sono convinto che il vaccino sia la nostra salvezza e mi sono vaccinato due volte per proteggere me e la mia famiglia dal coronavirus, ma ora rimango perplesso per il fatto che conosco molte persone che si sono ammalate lo stesso con il vaccino. La cosa che mi ha preoccupato di più, come ho già scritto, è che un mio vicino è finito in terapia intensiva a seguito del vaccino e non della malattia! Non sapevo che ci sono stati dei morti, alla televisione non l'hanno mai detto, o almeno non l'ho sentito. Ma se fosse vero, come dice lei, non credo sia giusto dire "si muore e basta", bisognerebbe fare delle indagini per capire veramente se è per quello o meno. Sinceramente io mi sono vaccinato per salvarmi la pelle e non per morire o ammalarmi, mentre mio nonno l'hanno mandato in guerra e la sua famiglia sapeva che era facile che non sarebbe tornato a casa. Poi fortunatamente ha salvato la pelle, sennò non sarei qui a raccontarla.
Mi sembra che ci sia una grande confusione e che uno dovrebbe saperlo dalla televisione se ci sono dei rischi o meno, non dai vicini, perché magari è un fatto casuale che non c'entra niente. Personalmente ho perso un po` la fiducia, soprattutto quando ho visto sul giornale quella foto del generale, bravissima persona, non dico di no, fianco a fianco con il medico accusato di vendere i certificati di vaccino falsi. Di Draghi mi fido un po' meno, magari è bravissimo nella finanza, ma non è un dottore. Aveva detto che se ti vaccinavi potevi fare un Natale normale, senza restrizioni, e qui non possiamo neanche fare il cenone. Anche i medici non si sbilanciano. Io ho chiesto ma il mio mi consiglia la terza dose, ma non si prende la responsabilità, dice che è una decisione che devo prendere io. Allora cosa ci vado a fare dal medico? Noi cittadini abbiamo bisogno di persone esperte e autorevoli di cui potersi fidare ciecamente per non avere brutte sorprese.
Alla fine succede uno non sa cosa fare e qualsiasi cosa faccia ha paura di sbagliare. E qui si parla di salute, non di brustolini.

Alla fine uno ci scappa la pazienza e e giustificato. Ma lo volete capire che bisogna fare il vaccino e basta? Ce gente che fanno delle chiaccherre perché cianno del sugo in bocca e vivono di rendita, chi lavora non li stà nemmeno a sentire. Dici che il vaccino non fa niente e poi si muore? Ma a me cosa mi interessa di queste questioni politiche che sono due anni che con una scusa o l'altra siamo sempre chiusi e viene la metá della gente e soprattutto non spende! Ma volete che chiudiamo per senpre in acambio di due spiccioli? Mi piaceva quando non potevi fare la spesa fuori cmune ma guarda caso l'anno tolta subito. Bisogna andare casa per casa a trovare quelli che fanno gli imboscati e per non saper leggere ne scrivere bisogna fargli la puntura come agli altri, e poi si riapre tutto e torniamo alla normalitá. Non c vuole mica tanto!

Sig. Loianese Doc, faccio fatica a rispondere a chi non ha nemmeno il coraggio di metterci la faccia ma ha la faccia tosta di sparare a zero sulla salute altrui in nome del dio denaro, ovviamente anonimamente, ma per Lei farò un'eccezione... Lei conosce la mia cartella clinica? Garantisce Lei per la mia salute? Sto tentando in tutti i modi di capire se con le mie patologie posso fare il vaccino in relativa sicurezza e NESSUN MEDICO si prende la responsabilità di dirmi sì o no, e sono convinta che siamo tanti nella stessa situazione. Non sono e non sono mai stata No Vax ma il vaccino obbligatorio in queste condizioni non è la soluzione. Capisco le enormi difficoltà che tutti i piccoli commercianti stanno avendo, ma non è prendendosela con chi tutela la propria salute non facendo vaccini che potenzialmente sono letali che l'economia riparte. È capendo l'assurdità della gestione di questa pandemia e unendoci (vaccinati e non, esclusi gli estremisti pro vax e no vax) e facendo capire a chi di dovere che non è a colpi di vaccini ed assurdi green pass che si esce dalla pandemia (come dice l'Oms), ma ristrutturando la sanità territoriale e autorizzando terapie efficaci (che già ci sono!!!) insieme alla vaccinazione SICURA di un gran numero di persone
che si potrà risolvere la situazione.

Certo che era comodo quando non si poteva uscire dal Paese per fare la spesa, così poteva guadagnare senza concorrenza sulle spalle dei suoi concittadini. Si chieda perché non vengono da Lei ma preferiscono fare chilometri per far la spesa.. Un po' di rispetto per chi compra ed un po' di autocritica non guasterebbe... Se la Sua idea di commercio è questa capisco perché rimanga anonimo...
Cordialmente, auguri di buone feste.

P.S.: Scusi Loianoweb, non capisco la politica di dare voce a chi spara a zero sugli altri senza nemmeno il coraggio di metterci la faccia. Se non sbaglio è proprio per evitare questo che era stata introdotta la regola che non si pubblica più nulla anonimamente. Comodo che solo Lei sappia chi sia, così nessuno "paga" per quello che dice. Il blog è Suo e Sue le regole, ma un po' di coerenza non guasterebbe. Buone Feste

Ognuno ha diritto di esprimere le proprie opinioni (senza offendere), anche se in maniera brusca o con modi che possono non piacere. Su questo argomento le dirò che io sarei invece per togliere la parola a chi fa proselitismo contro i vaccini. Ma questo è un parere personale. Anche a me piacerebbe che tutti si firmassero ma purtroppo non lo si può imporre come speravo. Firmarsi con un nome fittizio od un nick name è la stessa cosa. Buone feste anche a lei. DZ

09.01.22: una domanda: ma se il vaccino funziona e La protegge, di cosa ha paura Lei? se è vero che i vaccinati sono tutti in rianimazione, di cosa si preoccupa? E poi, i cosiddetti non vaccinati che si ammalano sono anche quelli a cui manca la 3a dose, lo sapeva?

mi correggo, volevo scrivere "se è vero che i NON vaccinati sono tutti in rianimazione, di cosa si preoccupa?" (lapsus Freudiano...)

Debbo dire che sono rimasto stupefatta e amareggiata da quanto dichiarato dal sig. Zappaterra, persona che stimavo grandemente per la sua onestà e per il suo impegno per cambiare in meglio la realtà di questo paese.
Premesso che il limite per ogni intervento deve essere costituito dal rispetto per la legge, trovo gravissima la dichiarazione, seppur espressa a titolo personale, secondo la quale la libertà di parola non andrebbe concessa a chi fa proselitismo contro il vaccino. La propaganda rappresenta indubbiamente una forma di comunicazione che i più, me compresa, non apprezzano, se non altro per la sua rigidità e inefficacia. Da circa due anni siamo esposti a una massiccia propaganda dai toni terroristici sul pericolo pandemico e a favore del vaccino sui mezzi di massa, in primis televisione e giornali, quando invece sarebbe interesse di tutti essere informati sul tema attraverso la diffusione di dati e un sereno confronto tra esperti. È un fenomeno deprecabile, ma in sé e per sé riflette semplicemente la spropositata concentrazione del potere nelle mani di gruppi di interesse più potenti degli stessi governi. Alla propaganda e al proselitismo si risponde con fatti e argomentazioni, se del caso. In questo consiste il civile confronto democratico. Certo la strada non è quella di tappare la bocca a presunti propagandisti. Esprimendo l’auspicio che questa o quella voce sia messa a tacere, si viola apertamente lo spirito e la lettera della Costituzione, che, in particolare all'art. 21, garantisce il diritto di parola a tutti, compresi coloro che fanno proselitismo e coloro che sostengono tesi minoritarie,
Nel caso specifico non mi sembra che alcuno in questo sito abbia svolto azioni di proselitismo contro le vaccinazioni, tanto meno la signora Alessia, che, nei propri interventi, in ogni occasione, si è sempre distinta per la pacatezza dei toni, per l’intelligenza ed rispetto delle opinioni altrui, anche quando strampalate.
Ma quand’anche si fosse trattato di un intervento propagandistico (ed è evidente che non lo è), è certo che la propaganda a favore o contro i vaccini non viola alcuna legge, trattandosi di orientamenti legittimi, sulla base dei quali, tra l’altro, il soggetto esprime o meno il proprio consenso a un trattamento sanitario.

Grazie per la stima ma qui l'impegno per cambiare il paese non c'entra niente. Forse non ci si rende ancora conto della tragica situazione sanitaria, economica e sociale che stiamo attraversando e che avrà ripercussioni per molti anni a venire. In questa situazione il suo (sacrosanto) diritto di parola, finisce dove inizia il mio (sacrosanto) diritto a non ammalarmi. E quindi se la sua propaganda anti-vaccini convince anche solo una persona (che diventa quindi un potenziale nuovo ammalato), bè allora quel diritto lo sospendo almeno fino a quando il suo proselitismo non farà più danni. Mi riferisco ovviamente ad interventi pubblici o su piattaforme ad ampia visibilità, non chiaramente all'opinione del singolo cittadino. Purtroppo questo Governo, pur di non prendere decisioni drastiche (che avrebbero inevitabilmente alienato i voti dei no-vax), ha diviso i cittadini in fazioni alimentando ancor di più il caos. Lei dice che 'ci vuole un confronto sui dati' e  ha ragione. Il fatto è che i dati ci sono ma c'è che chi non li vuol vedere, pur di non mettere in dubbio le proprie convinzioni i interessi. Se non l'ha ancora fatto, le suggerisco di vedere il film 'Don't look up' che gira su Netflix e di cui si parla molto in questo periodo. Esprime molto meglio il concetto di quanto possa fare io. Buona giornata. DZ

Io concorderò sempre con la frase di Pertini (31/12/83):

"Combatterò la tua idea quando sarà contraria alla mia, ma mi batterò sempre anche a costo della mia stessa vita affinché tu quell'idea possa esprimerla liberamente".

Chi non vuole ammalarsi in forma grave ha a disposizione i vaccini ed è giustissimo che se li possa fare, ma nessuno può obbligare altri ad azioni o vietare ad altri di esprimere la propria opinione, anche se contraria. Prima o poi la ruota gira, e in caso vi trovaste voi dall'altra parte voglio vedere se accettereste di essere zittiti o tacciati di essere complottisti solo perché non condividete l'idea del mainstream.

P.S.: di dati ce ne sono sia a favore sia contro i vaccini. Un giornalista, a mio avviso, dovrebbe condurre un'inchiesta e studiarsi tutti i dati, e non solo fermarsi alle proprie convinzioni, invece ultimamente troppi giornalisti usano i propri articoli per propagandare le proprie convinzioni e non per capire con curiosità e con ascolto di tutte le parti davvero come stanno le cose. Opinioni, il cui confronto è sempre fondamentale per migliorare.

Premetto che il suo ringraziamento è del tutto fuori luogo, in quanto personalmente non posso avere la minima stima di chi non ammette la libertà di opinione così come proclamata dalla Costituzione italiana, e conquistata a caro prezzo dai nostri padri e dai nostri nonni, alcuni dei quali, anche su queste montagne, hanno perso la vita.
Questo blog è di sua proprietà e può di conseguenza cancellare o censurare quello che vuole, ci mancherebbe. Credo sarebbe tuttavia corretto prendersi la responsabilità di tale atteggiamento e, per chiarezza, avvertire i lettori e chi finora ha contribuito con i propri commenti alla sua esistenza che se gli interventi sono contrari alla VERITA' ASSOLUTA da lei posseduta, saranno esclusi.
Non si spaventi, non è nulla di nuovo. Succedeva qualche secolo fa quando un certo Galileo dubitava che il Sole girasse attorno alla terra, succede oggi su Facebook e su altri mezzi sociali, succede nelle televisioni, succede negli ordini professionali. Chi la pensa diversamente, chi ha qualche dubbio rispetto alla verità ufficiale, viene escluso o tacitato. Anche nel medioevo si credeva che chi osava mettere in discussione la verità ufficiale dovesse essere messo a tacere in nome del bene e della salvezza dell'umanità e magari essere messo sul rogo se non chinava la testa.
Nel merito di quello che ha scritto, non posso non rimanere sbalordito quando lei parla di propaganda anti-vaccino riferendosi alle mie parole, o magari a quelle di altri. Premesso che non ci sarebbe niente di grave, visto che, nel limite delle leggi, non è vietato fare propaganda, a me pare di avere fatto altro. Ovviamente è libero di pensare quello che vuole e i lettori di crederle. Mi stupisce anche che Le sia sfuggito, che, se c'è propaganda in questo momento nei mezzi di comunicazione, si tratta solo di quella solo quella a favore dei vaccini. Fortunatamente in larga parte della popolazione esiste ancora la capacità critica e il senso di responsabilità personale, nonostante la pressione mediatica, i ricatti e le minacce.
Vorrei entrare nel merito di quello che lei sostiene (ovviamente se è permesso), usando il chiaro ed elegante stile espressivo del nostro attuale padrone. Se non ho capito male, quello che oggi, secondo lei, accadrebbe è riassumibile con queste parole: leggi la propaganda anti-vaccino, non ti vaccini, ti ammali, fai ammalare il signor Z., per cui il signor Z. può, per legittima difesa, tappare la bocca a chi sostiene la libertà di opinione.
Ho provato a entrare nel suo ragionamento, ma confesso che faccio fatica a capire come il credulone che, suggestionato dalle parole insidiose lette su questo blog, non si vaccina, possa nuocerle.
Se lei è terrorizzato, come appare, da questa eventualità, mi permetto di darle un consiglio, facendo in questo caso, se la cosa non la disturba troppo, propaganda per i vaccini. Si vaccini subito, se non l'ha ancora fatto, così sarà protetto dai facinorosi che, insensatamente, si rifiutano di sottoporsi al siero sperimentale.
Non mi dirà proprio lei che il consiglio non è buono e che il vaccino funzionicchia, cioè funziona poco o niente, perché allora verrebbe meno il motivo per sottoporvisi e, soprattutto per imporlo a chi non ne è convinto. Se è così, sarà difficile convincere il 22% dei loianesi che, forse irrazionalmente, forse invece saggiamente, non si è vaccinato, temendo conseguenze negative per la propria salute.
Quanto al film che mi ha suggerito (Don`t look up), osservato preliminarmente che non contiene alcun DATO a supporto della sua VERITÀ ASSOLUTA, esso ben rappresenta, piuttosto, il dramma di una minoranza consapevole e inascoltata che mette in guardia da un pericolo realistico e terribile, l’arrivo di un asteroide. Che la maggioranza non vuole vedere, dominata dalla propria cecità, dai mezzi di comunicazione e dal potere.
Quello che sta oggi sta accadendo a chi vorrebbe mettere in guardia i propri simili dalle conseguenze drammatiche, già attuali e solo in parte conosciute, del siero “vaccinale” e viene sistematicamente messo a tacere dalla politica di palazzo, con l’utile concorso dell’ignoranza e della feroce arroganza di una parte della popolazione. Ma prima o poi l’asteroide arriva, anche se a chi voleva avvisare gli altri era stata tolta la parola ....

Cara Benedetta, mi sa che hai travisato sia don't look up che i limiti del rispetto altrui nella costituzione. Per fortuna Zappaterra, sindaco, e governanti vari nelle varie gerarchie ci hanno guidato seguendo quello che dice la scienza, sia questa la rotta di un asteroide, il cambiamento climatico o l'efficacia comprovata dei vaccini. Luca

Non potendo vaccinarmi mi sono informata all'inverosimile su vaccini, rischi da Covid, mutazioni ecc. (la paura c'è per tutti). Chi ha voglia e spirito critico può trovare tantissimi pareri diversissimi in trattati scientifici, a tratti opposti tra loro, ed io, da profana che non si occupa di scienza ma di altro nella vita, non posso dire quale siano quelli più giusti, anche perché scienziati di fama mondiale si schierano dall'una o dall'altra parte. Il Sig. Luca si fida dei governanti (che per fare gli ultimi decreti non hanno nemmeno consultato il comitato tecnico scientifico), di Zappaterra, dei sindaci, e di tutti quelli che SANNO LA GIUSTA VIA DA SEGUIRE (non si capisce giusta per chi viste le premesse che ho fatto). Nessuno minimizza o nega che il Covid esista e sia anche pericoloso se non uno sparuto gruppo di estremisti..... Io però preferirei che a guidarci fossero gli SCIENZIATI veri, che, analizzando TUTTI i dati pro e contro, li confrontano e POI danno responsi e ci indicano cosa fare per ridurre al minimo il rischio per la salute, non un banchiere con le mani in pasta ovunque che ora tutto il mondo addita come esagerato.... Perfino la Francia non impone obbligo vaccinale!
Nel mio caso, simile a quelli di migliaia di altre persone, NESSUNO mi sa dire se il vaccino è rischioso per me, alcuni mi dicono che DEVO vaccinarmi per gli altri e a mia precisa domanda la risposta è "non importa quanto sia sicuro per Lei, l'importante è che Lei lo faccia" (in nome di cosa dovrei rischiare la mia vita e la mia salute poi non è dato saperlo, per salvare i fragili? E io non sono fragile se per farlo devo rischiare la vita?). Non seguo chi ha preso come assioma un'OPINIONE scientifica (perché tale è finché può essere confutata da altri studi altrettanto autorevoli) ed agisce solo seguendo quella, senza nemmeno degnarsi di ascoltare (figurarsi analizzare!) TUTTI gli studi pubblicati da tutti gli scienziati, perché se dicono il contrario di quanto pensa il mainstream sono cavolate nemmeno degne di esser lette. Ognuno sceglie la guida da seguire LIBERAMENTE, chi fidandosi ciecamente di qualcuno come atto di fede, chi informandosi in prima persona e dubitando di tutti e di tutto ma formandosi così una propria idea. Non conosco il film Don't look up, ma ho letto il libro "L'Onda" e parla proprio della fiducia cieca in qualcuno e dove porta tutto questo. La storia si ripete, come per le censure descritte dalla Sig.ra Benedetta anche per il riconoscimento di qualcuno come "guida" come puro atto di fede. Poi ognuno sceglie come vivere SENZA IMPORRE NULLA AGLI ALTRI E SENZA GIUDICARE NON POTENDO SAPERE LE REALI CONSEGUENZE (né di vaccinarsi né di non farlo). Solo il tempo potrà dire chi ha ragione, per cui rassereniamoci: né io né voi saremo dalla parte della ragione finché non sarà la Storia a sancirlo.
Condanno le prese di posizione definitive pro e contro, sono per la conoscenza che si può avere solo con la trasparenza. E fino a che i vaccinati con seconda dose da più di 120 giorni in ospedale sono contati come "non vaccinati" allora il dubbio che qualcuno stia usando questa definizione impropriamente mi viene, e mi chiedo il perché. Quando qualcuno saprà chiarire tutti i dubbi che la scienza pone senza negarli e tutti i dubbi che parte della popolazione ha senza zittirli si avrà un REALE confronto. Fino ad allora non farò un atto di fede che potrebbe essermi letale.

Quando un MEDICO SPECIALISTA mi spiegherà bene se e di quanto il mio rischio potrebbe essere aumentato valuterò con serenità il vaccino per proteggere me ed i miei cari. Ma dovrà essere la Scienza a darmi risposte, non i politici ad obbligarmi a fare il vaccino negandomele.

Ah beh ovvio che se non puoi farlo sei esentata, ma dovresti comunque ricevere il pass. Faccio notare che l'idea della obbligatorietà sta proprio nel difendere persone come te che non possono coprirsi. Luca

Peccato che non esistano percorsi dedicati per capire se posso o no vaccinarmi in relativa sicurezza ed il primo appuntamento disponibile è il 7 dicembre 2022. Intanto sono una "pericolosa no vax che deve solo vaccinarsi e smetterla di rompere" per tutti, politica compresa. E nella mia situazione in Italia c'è qualche milione di persone.. ma siamo trattati come no vax e dobbiamo sottostare a tutte le assurde restrizioni perché non ci hanno dato supporto specialistico ma solo negato risposte. Capito perché la gestione politica basata sull'obbligo mascherato è un fallimento e una stupidata??? Meglio giudicare i "pericolosi no vax" bollandoli come stupidi al posto che ascoltarli e dare la possibilità alla scienza medica (quella VERA, che si basa sul vero confronto di TUTTI i dati) di tranquillizzare con dati REALI alla mano e assunzioni di responsabilità medica per capire se in termini di sicurezza personale ha senso ricevere il vaccino. Si tratta di SALUTE PERSONALE, e sapere che un medico mi potrebbe dire di vaccinarmi per non essere oggetto di indagine e magari essere radiato non mi dà tanta sicurezza.....

Assurdo scrivere che ci sono "milioni di persone" in Italia che non possono vaccinarsi, avresti dovuto scrivere che non vogliono. Sono due cose ben diverse. La seconda è una scelta che comporta degli oneri, dato il momento storico. Luca

I cretini si trovano statisticamente in ogni gruppo.
Sarebbe importante capire il PERCHÉ uno sceglie di non vaccinarsi, anche per me per ora è una scelta perché non ho risposte e non voglio rischiare la vita avendo patologie. Per fortuna però che ci sono quelli come te che tutto sanno e fanno passare un' opinione personale come un dato di fatto, così sì che abbiamo risposte e ci sentiamo tutelati. In Italia ci sono milioni di persone che prendono più di una medicina al giorno perché affetti da diverse patologie, ma non tenerne conto è più facile e giova di più al sostegno della tua opinione.

La frase è di Voltaire lo sanno anche i bambini. I no vax sono così capre che non sanno neanche fare copia-incolla

Io ho sentito questa frase detta da Pertini e ho citato lui. Mi scuso per l' "errore". Non essendo io "no vax" ma semplicemente non ancora vaccinata la sua offesa non mi tange. Io penso che chi non ha argomenti per controbattere sullo stesso terreno arriva all' insulto gratuito, e troppo spesso questa posizione si sostituisce ad un sano confronto su dati ed opinioni: è più semplice attaccarsi a dettagli che c'entrano poco o nulla con l'argomento trattato e offendere anziché rispondere in modo appropriato. Ognuno ha la sua educazione e cultura, e ne fa sfoggio come può: chi argomentando, chi insultando. Saluti

Buongiorno sig.ra Sabina,
Io sono vaccinato con terza dose,farò la quarta,la quinta ecc.
Vorrei ricordarle,visto che Lei è così intelligente e colta e che da della capra ad altri,che chi non si vaccina non è fuori legge.
Personalmente ho la terza media quindi non sono alla sua altezza,però penso che sia più capra chi scrive senza leggere o capire cosa è stato scritto due post prima rispetto a chi come me ha sentito quella frase dall'unico presidente della repubblica e politico che stimo.
La Sig.ra Alessia ha sempre evidenziato di non essere NO VAX ma che non riesce a vaccinarsi per motivi medici.
Da vaccinato non offendo assolutamente chi sceglie di non vaccinarsi. L'intelligenza si misura non dalla cultura che uno ha oppure se si vaccina o no,ma da altro.
Le auguro un ottimo 2022 e spero che questo confronto con un vaccinato convinto possa farla riflettere sui pregiudizi inutili e stupidi e non discrimini più chi non la pensa come lei.

La frase NON è di Voltaire ma erroneamente attribuita a lui, e sarebbe bastata una semplicissima ricerca su Google per scoprirlo. Forse non a tutti hanno insegnato a verificare sempre le proprie fonti prima di permettersi di correggere ed addirittura insultare altri.

Aggiungi un commento

Back to Top