Giovedì, 28. October 2021 - 4:38

Story

"Cemento-amianto: da via delle Croci a Via Crucis"

Riceviamo e pubblichiamo

Ai mezzi di informazione

Al  signor Prefetto di Bologna

In E-R (non che altrove vada molto meglio) “non si sa più cosa fare” per le bonifiche del cemento-amianto;

emblematica la situazione di Loiano, sito via della Croci:

  1. Segnalato alle istituzioni il 9.12.2021 era già forse da venti anni meritevole di un intervento di bonifica ma il comune non ha mai voluto deliberare il censimento e quindi i siti si “scoprono” …con calma
  2. Dopo un inspiegabile enorme lasso di tempo il Sindaco fa una ordinanza (marzo 2021) per la bonifica entro 60 giorni previa comunicazione entro 15 giorni della natura dei materiali
  3. Passa il tempo; il comune, che tuttora non risulta avere neanche ricevuto certificazione circa la natura dei materiali concede una proroga per la bonifica al 12 agosto 2021
  4. La bonifica non risulta ancora effettuata; il sindaco non risponde alle richieste di informazioni della AEA; dagli uffici si apprende che non ci sono ulteriori deroghe e che la inadempienza è stata “segnalata”

Se la situazione è questa occorre che la autorità sanitaria locale “agisca in danno”, e subito,  sostituendosi all’inadempiente ed addebitandogli contestualmente i costi.

Numerosi gli interrogativi che questa vicenda ripropone:

  • Quasi tutti sprizzano propositi “green” nei loro discorsi poi, quasi sempre, non si quaglia niente, anzi…
  • Certo la fonte dei guai non sta a Loiano ma in Regione dove la giunta sostenuta dal “sole che ride” e dagli emiliano-romagnoli coraggiosi (fossero stati pavidi cosa sarebbe successo ?) e contrastata da una destra incapace di avere un minimo pensiero ecologico (neppure a parole…) , ha ostacolato attivamente la unica prassi ragionevole ed ergonomica possibile : il censimento capillare del cemento-amianto nel territorio previo obbligo di notifica/monitoraggio e bonifica da parte del proprietario dell’immobile o del sito.

Ora , lo abbiamo già detto tante volte e lo ripetiamo da decenni: SE PER LA BONIFICA DI UN CAPANNONE CI METTIAMO DUE ANNI (COME GIA’ FU A LOIANO PER IL SITO DI VIA DI VIA NAPOLEONICA) TRA 500 ANNI AVREMO ANCORA CEMENTO-AMIANTO NEL TERRITORIO.

Ognuno tragga le valutazioni sociali e politiche del caso.

CENSIMENTI E BONIFICHE SUBITO.

Visto che la Regione e molti sindaci non sono in grado di gestire proponiamo che governo e prefetti nominino commissari ad acta.Non se ne può più ! e chiediamo rispetto per le associazioni di volontariato che devono spendere risorse ed energie per contrastare un immobilismo inaccettabile.

Vito Totire, AEA-associazione esposti amianto e rischi per la salute 

data pubblicazione: 
Martedì, 28. September 2021 - 21:16

Commenti

Grazie a Loiano web per la diffusione; segnaliamo un errore: la prima segnalazione è del 9.12.2019.
Ci scusiamo per l'errore e attendiamo una risposta dal signor Sindaco sul "punto" e al fine di un approccio sistemico alla questione.

Vito Totire, AEA-associazione esposti amianto e rischi per la salute

Aggiungi un commento

Back to Top