Lunedì, 21. June 2021 - 18:22

Story

Il Comune acquista a € 380.000,00 il magazzino della Gesco

Con la Determina n 104 (allegata), il Comune di Loiano ha finalizzato l’acquisto dalla GESCO dell’immobile di via Savena 1 adibito a deposito magazzino. Il costo complessivo è di € 380.000,00 compreso l’impianto fotovoltaico di 39KW

Si tratta di  un passaggio obbligato da parte del Comune, dopo la decisione di porre la Partecipata in liquidazione e ritornare in possesso di tutti gli immobili che le erano stati intestati quando è stata costituita nel 2007. Il problema più rilevante della liquidazione della GESCO, è appunto la sua forte capitalizzazione e gli onerosi costi che comporta il ritorno fra le proprietà del Comune.

foto Google Earth

AllegatoDimensione
PDF icon gessco.pdf99.44 KB
data pubblicazione: 
Martedì, 11. May 2021 - 20:30

Commenti

Si vede chiaramente anche l'ultimo capannone infondo pieno di eternit!!!!!!si fara' qualcosa? e' centrale con tante abitazioni attorno e aziende. Cosa pensa il comune? chi e' il proprietario?

Da decenni anche assieme a Legambiente andiamo proponendo la emanazione di ordinanze sindacali per il monitoraggio e la bonifica; le buone prassi (per usare un linguaggio ormai politichese) non interessano alle istituzioni ; infatti l'avallo al "non fare nulla" li ha dato la Regione E-R con l'ultimo piano amianto in cui si afferma -sbagliando clamorosamente (ma è probabile che ci sia la volontà di negare le evidenza)- che gli esempi di censimento condotti da s.Lazzaro di Savena o Rubiera non hanno dimostrato che fare sia meglio di non fare nulla...
Non voglio farla lunga: il sindaco di Loiano potrebbe, anzi dovrebbe, fare lo steso tipo di ordinanza fatta a s.Lazzaro ;
anzi l'intervento delle signora Giulia per noi è uno stimolo a...insistere; che poi il capannone sia coperto da cemento-amianto o fibrocemento , bisognerebbe vederlo da vicino ...
ma è una domanda a cui il un censimento avrebbe già risposto ...se poi consideriamo che la legge -Norme per la cessazione dell'uso dell'amianto è del 1992 occorre chiedersi di cosa il "ceto politico" si sia occupato in questi ultimi trenta anni .
vediamo se si riesce a buttare un sasso nello stagno.

Vito Totire, AEA-associazione esposti amianto e rischi per la salute

Aggiungi un commento

Back to Top