Domenica, 7. March 2021 - 0:20

eventi

Covid, da giovedì 4 a domenica 21 marzo La Città Metropolitana di Bologna diventa Zona Rossa

dichiarazione del Sindaco Virginio Merola

Dichiarazione del Sindaco di Bologna e della Città metropolitana Virginio Merola

In merito alla situazione della pandemia a Bologna e nei Comuni della Città metropolitana, il Sindaco Virginio Merola ha dichiarato quanto segue:

"Oggi pomeriggio si è riunita la Conferenza dei Sindaci della Città metropolitana. La decisione unanime dei Sindaci, condivisa con la Regione, è stata quella di adottare domani un provvedimento per rendere l'area metropolitana zona rossa con decorrenza da giovedì 4 marzo a domenica 21 marzo.

A livello nazionale la soglia critica è considerata a partire da 250 casi ogni 100 mila abitanti, soglia abbondantemente superata in tutti i nostri Comuni.

I dati sull'ultima settimana di febbraio nel territorio dell'Ausl di Bologna (elaborati quindi successivamente alla decisione della zona arancione scura) è di 400 casi di media ogni 100mila abitanti, con 13 Comuni sopra i 500 casi e la media del Distretto Appennino di 584.(zona Castigione, San Benedetto, Camugnano, Monzuno)

La preoccupazione dei Sindaci è molto alta ed è condivisa anche dai Primi Cittadini delle zone meno colpite del territorio, e per questo occorre intervenire con urgenza.

Nel provvedimento della Regione saranno compresi anche i nidi e le scuole d’infanzia, oltre alle attività commerciali non essenziali.

Il tema dei comportamenti individuali è più che mai fondamentale. L’appello che facciamo è che le persone escano di casa solo per recarsi al lavoro, per necessità e per motivi di salute, e che siano rispettate le norme sanitarie individuali.

A nome dei Sindaci di tutta la Città metropolitana di Bologna chiedo al Governo di accelerare il piano di vaccinazione in tutti i modi possibili e di prevedere adeguate integrazioni economiche per le attività coinvolte dal provvedimento di zona rossa che adotterà la nostra Regione, così come i congedi parentali anche retroattivi per i genitori".

Da sabato 27 febbraio l'Emilia Romagna diventa zona Arancione Scuro

Dall pagina Facebook del Sindaco di Monghidoro Barbara Panzacchi

Si è conclusa nel tardo pomeriggio di oggi la riunione convocata dal Sindaco metropolitano con tutti i Sindaci dell’ area metropolitana bolognese per comunicarci la necessità di introdurre ulteriori provvedimenti restrittivi a causa dell’aumento esponenziale dei numeri del contagio da Covid-19 e della conseguente pressione sulle strutture ospedaliere.

La situazione dei contagi nella Città Metropolitana di Bologna ha, infatti, avuto un brusco peggioramento nell’ultima settimana.

La variante inglese si sta diffondendo con maggiore rapidità e la provincia di Bologna ha registrato ieri il più alto numero di nuovi positivi dall’inizio della Pandemia: 672 persone.

Il maggior numero dei nuovi positivi si registra nella fascia 11-13 anni e negli adulti 74-85 anni.

Il nostro Comune, al momento, è uno dei pochi che non è interessato da questa situazione e che non registra un aumento di casi, ciononostante ci è stato comunicato dai responsabili Ausl che è di fondamentale importanza che per tutti i comuni della provincia vi siano misure omogenee: arginare il più possibile la diffusione del contagio significa anche scongiurare il collasso del sistema sanitario.

Dispiace molto perché questo provvedimento va a colpire anche le scuole, le famiglie ma, soprattutto, i bambini ed i giovani studenti che sinora si era cercato di tutelare, dopo che nel corso della prima ondata erano stati quelli a pagarne uno dei prezzi più alti.

Domani il Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini emanerà l’ ordinanza ordinanza conseguente e di seguito vi indico le principali misure che verranno adottate:

DA LUNEDÌ 1° MARZO

SCUOLE:

In presenza solo i Servizi educativi 0-3 anni e le Scuole dell’Infanzia.

Le attività didattiche per le altre scuole di ogni ordine e grado si svolgeranno a distanza al 100%.

Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica a distanza.

Noi SINDACI abbiamo chiesto urgentemente al Sindaco Merola che si faccia portavoce presso il Governo affinchè vengano riattivati URGENTEMENTE le coperture economiche legate alla possibilità di CONGEDO PARENTALE per quei genitori obbligati a stare a casa dal lavoro con i figli e figlie minori.

 da SABATO 27 FEBBRAIO

SPOSTAMENTI

Consentiti esclusivamente gli spostamenti all'interno del Comune.

Al di fuori del Comune di residenza consentiti solo limitatamente alle ragioni di lavoro, salute e comprovate ed inderogabili necessità.

Vietato fare visite a familiari e agli amici, anche nel proprio Comune, salvo casi di necessità.

Vietato recarsi nelle seconde case.

È possibile invece, per gli studenti che vanno a scuola in un comune non in Zona Arancione Scuro spostarsi per frequentare in presenza.

E' sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

NEGOZI E LUOGHI DI LAVORO

Restano consentite le attività economiche, comprese quelle di servizio alla persona, permesse in Zona Arancione, secondo le medesime modalità.

MERCATI

Rimangono aperti

SPORT E PARCHI

Rimangono aperti i parchi.

Sospesi gli eventi e le competizioni organizzati dagli enti di promozione sportiva, così come l’attività sportiva svolta nei centri sportivi all’aperto.

Resta consentito lo svolgimento di attività sportiva solo in forma individuale ed esclusivamente all’aperto.

Possibile anche svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie.

MOSTRE E LUOGHI DELLA CULTURA

Sospese le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, ad eccezione delle biblioteche dove i relativi servizi sono offerti su prenotazione.

CIMITERI

Rimangono aperti

Naturalmente rimangono in vigore i precedenti provvedimenti personali: obbligo della mascherina, ANCHE ALL'APERTO, distanziamento e igiene delle mani.

https://www.regione.emilia-romagna.it/.../ultimi...

https://www.bolognametropolitana.it/.../Da_sabato_27...

Back to Top